Mostra fotografica sull’Africa: see you, see me

L’Africa raccontata tramite l’arte della fotografia. Questo vasto e affascinante continente narrato nell’evolversi dei tempi, dall’immediato periodo post colonizzazione inerente gli anni settanta, fino ai giorni d’oggi. Una lunga sequenza di fotografie raccolte e scattate da 33 fotografi di tutto il mondo, racchiuse in questa mostra fotografica intitolata “See you See me” , che è iniziata giorno 4 maggio 2011, e che terminerà tra pochissimi giorni, sabato 4 giugno 2011.

L’esposizione si svolge nella capitale, presso Officine Fotografiche Via G. Libetta n. 1 Roma. L’ingresso è libero e i giorni e gli orari di visita sono i seguenti: dal lunedì al venerdì dalle 10:00 alle 13:00; e dalle 15:00 alle 19:00. La mostra fotografica, prevede l’ingresso libero, ed è curata da Awan Amkpa, il quale ha dichiarato che questa mostra racconta l’Africa e la sua fotografia con tutte le varie diversità che l’hanno contraddistinta in questi lunghissimi anni. Le fotografie immortalano il cambiamento di questo paese, la modernizzazione, ma anche gli angoli di un paese che è rimasto uguale nel tempo, che vive e sopravvive ugualmente alla globalizzazione.

La mostra fotografica è articolata principalmente in tre sezioni principali:la prima evidenzia il chiaro segno visibile dell’urbanizzazione africana; la seconda evidenzia invece il lato selvaggio della terra, con ritratti e immagini che immortalano l’aspetto etnografico del popolo; la terza è composta da fotografie che sono estate fatte da fotografi non africani, che rapiscono i tratti salienti di questo pese e lo trasportano all’attenzione del mondo.

Un modo per rendere omaggio a questa terra, per farla conoscere sotto aspetti diversi d quelli che la gente comune sconosce. Si può vedere tanto bianco e nero, ma soprattutto i ritratti sono i protagonisti di questa mostra fotograficaSee You see me”, una mostra che può regalarvi tanto stupore e meraviglia se siete degli appassionati di fotografia, e farvi conoscere allo stesso tempo, un paese diverso e affascinante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *