Ottobre Trevano: Sagra del Sedano Nero e della Salsiccia

Parte oggi, 30 settembre, un’antica e rinomata manifestazione della terra umbra: il famoso “Ottobre Trevano”.

Una rievocazione storica che risale al 1214, anno in cui gli abitanti di Spoleto invasero la città di Trevi saccheggiandola e costringendo alla fuga i suoi abitanti. E proprio in ricordo di questo avvenimento, nel 1980 nacque il “Palio dei Terzieri”. L’Ottobre Trevano è un evento della durata di un mese, dal 30 settembre fino al 30 di ottobre, ed è ricchissimo di appuntamenti tutti accompagnati da spettacoli, folklore, gastronomia e cultura come concerti, mostre mercato di prodotti tipici, giochi popolari, sfide medievali, sagre e taverne aperte tutte le sere per tutta la durata della manifestazione.

Si parte dunque oggi dal centro storico di Trevi con il Corteo Storico “Grande Festa Medievale” fino ad arrivare al “FestivOl” del 29 e 30 ottobre, con degustazioni e mostre mercato dell’olio extra vergine di oliva di Trevi. Tutto questo però passando attraverso il Palio dei Terzieri e il XII° Equiraduno, quindi tutti a cavallo per una partita di scacchi viventi e poi tanti giochi popolari; il Gusta Trevi, durante il quale sarà possibile assaggiare tutti i prodotti tipici del posto e la Castagnata e Antichi Sapori; senza dimenticare convegni, mostre, caccia al tesoro e giochi e favole per i più piccini. Il 16 ottobre sarà poi la volta di una antichissima sagra: è giunta infatti alla sua 47esima edizione la “Sagra del Sedano Nero e della Salsiccia”.

Nata inizialmente come sagra del Sedano Nero di Trevi con mostra mercato di questo prodotto tipico e di altri tipici locali, le fu successivamente abbinata la sagra della salsiccia in onore al mese di Ottobre, periodo della macellazione del maiale. Il Sedano Nero di Trevi è una varietà di sedano molto particolare e prelibata, coltivata solo in questa zona.

Ha una coltivazione molto particolare e laboriosa, un mercato molto ristretto e per questo motivo anche un costo molto elevato. Nei giorni della Sagra lo si potrà gustare nelle taverne e nei ristoranti ma anche nelle piazze, semplicemente crudo in pinzimonio, all’interno di prelibate ricette o in abbinamento alle salsicce di maiale cotte al momento sulla brace.