Menopausa e disturbi del sonno: attenzione ai sonniferi

Il disturbo del sonno è un malessere molto frequente, che si presenta soprattutto con l’andare degli anni, quando non si è più giovanissimi. Gli uomini soprattutto tendono a dormire meno la notte con il trascorrere del tempo, ma le donne con l’arrivo della menopausa, soffrono in modo più sensibile il disturbo del sonno. Una serie di processi ormonali e fisici, scatenano all’interno del fisico un cambiamento metabolico, per cui cambiano le abitudini, perfino quelle del sonno.

Che cosa fare dunque? E’ stato riscontrato che molte donne in Italia con l’arrivo della menopausa, si affidano alla prescrizione di sonniferi. Questi sono dei farmaci, anzi psicofarmaci a base di una sostanza, la benzodiazepine, che risultano essere efficaci e ottimi alleati del sonno.

Però l’attenzione è sovrana, si tratta pur sempre di farmaci ed è sconsigliato l’uso continuativo dei sonniferi. A darne conferma arriva uno studio eseguito in Canada, secondo cui le donne che hanno usato i sonniferi per circa due anni, nel momento in cui smettono di usarli, il disturbo del sonno tende ad accentuarsi ancora di più.

Ciò significa che questi farmaci sono validi per oltrepassare il problema legato al disturbo del sonno, è bene però sapere che devono essere usati con parsimonia, e solo quando siano strettamente necessari. Possono creare una forma di dipendenza, poiché nel momento stesso in cui si smette di usarli, il problema che non è stato curato, tende a manifestarsi nuovamente. Questo può generare il ripresentarsi del disturbo del sonno come detto, forse ancor più accentuato rispetto al passato. Inoltre trattandosi di farmaci, possono nel lungo periodo svilupparsi degli effetti collaterali più o meno gravi.

Il consiglio dei medici è quello di avvalersi di alcuni rimedi naturali che aiutino a conciliare il sonno e a riposare durante le ore notturne. Esistono diverse tisane in grado di favorire i favori di Morfeo; ottime sono a base di melissa, biancospino, e di tiglio. Ottima e più conosciuta è senz’altro la camomilla.

Prendere l’abitudine di bere una sana tisana tutte le sere prima di andare a letto può rivelarsi un ottimo sostegno del sonno, perché non provare?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *