Mangiatori di peperoncino: il 7 novembre una gara davvero infuocata

Il colore rosso ci fa subito pensare al peperoncino e alla sua piccantezza, quella sensazione di calore in bocca, il raschiare in gola, gli occhi lucidi e il naso che cola. A seconda del tipo di peperoncino questa sensazione sarà più o meno intensa. La sostanza responsabile del pizzicore è la capsaicina che allerta i termo recettori presenti in bocca, in gola e nello stomaco. Per combatterne gli effetti ci si può affidare al latte – e ai prodotti caseari in genere – al pane o al ghiaccio con il suo naturale effetto anestetico.

Farebbero bene a tenere presente questi piccoli accorgimenti gli appassionati del piccante che da 24 anni si ritrovano ad Albese con Cassano, piccolo comune in provincia di Como, per il torneo più rovente dell’anno: “Mangiatori di peperoncino”. Per quest’anno l’appuntamento è fissato alle ore 20.00 di lunedì 7 novembre al ristorante “Pesce Vela”. Il Patron dell’evento è Generoso Ferrara che metterà in palio un peperoncino d’oro per i vincitori che verranno incoronati come Miss e Mister peperoncino. Chissà se qualcuno riuscirà a battere lo straordinario record di 800 grammi di peperoncino mangiati in 30 minuti! Il record permane ormai dal 1997 raggiunto da Francesco Vecchio, nell’edizione 2010 si sono invece raggiunti i 650 grammi – terzo miglior risultato ottenuto.

I peperoncini impiegati sono i Maiori – una delle varietà più piccanti – e vengono coltivati e messi a disposizioni direttamente da Generoso Ferrara. La partecipazione è assolutamente libera e gratuita, alcuni minuti prima dell’inizio della competizione la giuria raccoglierà le adesioni. La formula di gara è molto semplice, i peperoncini potranno essere consumati freschi, in polvere o secchi accompagnati da pane, acqua, purè di patate e/o olio. Il peperoncino verrà servito in dosi da 50 grammi alla volta sotto richiesta del concorrente.

Iniziativa simpatica e originale che certamente riscuoterà anche quest’anno il meritato successo dedicato al peperoncino made in Italy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *