Fota: a parole, tutti la vogliono, ma…

Torniamo a parlare del caso FOTA: come abbiamo messo in evidenza circa un mese fa, ad Abu Dhabi si potrebbe decidere il futuro di questa associazione che dovrebbe avere il compito di tutelare tutti i tem, inclusi quelli cosiddetti minori.

Ciò nonostante, questa associazione si sta dimostrando inutile visto che non si riesce a trovare accordi e a mettere sulla stessa lunghezza d’onda scuderie con storia, importanza e disponibilità economica differente. Diciamo la verità: quando Montezemolo minaccia di lasciare la F1, non è la stessa cosa di un annuncio simile fatto da una Virgin o da un’ HRT.

Comunque, le varie dichiarazioni rilasciate dai team manager indicano che c’è la volontà di salvare questa associazione. In particolare, sembra che Ross Brawn, ritenga che sciogliere questa associazione sia un vero errore, perchè bisognerebbe ricordarsi quelli che sono stati i motivi che hanno portato alla creazione della stessa.

Stefano Domenicali, ne ha fatto un discorso di fiducia reciproca, chiarendo che se ad Abu Dhabi non si troverà un accordo sul caso RRA, è inutile tenere in piedi un’ associazione che non riesce a ottenere il suo scopo. Anche Chris Horner, della Red Bull ha messo in dubbio l’utilità di questa associazione, sostenendo che bisognerà raggiungere un accordo comune sul tema RRA e poi bisognerà discutere a porte chiuse sul futuro di questa associazione.

Ognuno fissa dei paletti, ma sembra che nessuno abbia detto chiarimento che questa associazione sia inutile. Vedremo quindi quello che succederà ad Abu Dhabi.