Cane vaga per più di 50 giorni per ritornare dalla padrona

I cani stupiscono sempre per la loro fedeltà e per la loro tenacia. Disposti a sfidare le distanze e le difficoltà, pur di tornare da chi amano.

Tutto iniziò una notte fredda e piovosa del mese di dicembre del 2007. È stato quella notte che per la prima volta Kristen Kelly incontrò un povero cane, tutto bagnato e infreddolito, che vagava per le colline della Contea di Jackson, in Oklahoma. Quell’ incontro le aveva toccato il cuore e pensando al cane che aveva incontrato il giorno prima, la mattina seguente decise di andare a portargli del cibo. Dopo averlo avvicinato, si rese conto che aveva un livido sulla pancia e spaventata per la sua sorte, decise di portarlo via con sé.

Dopo aver conosciuto il cane, la signora Oleta Kelly, nonna di Kristen, decide di occuparsi di lui. Da quel giorno Oleta e il suo nuovo cane Casey diventarono inseparabili. Casey era il giusto compagno per la signora Oleta e aveva stretto un bellissimo rapporto con la donna. Purtroppo in seguito ad un ictus, la donna venne ricoverata in una casa di cura e Casey fu portato nella fattoria di famiglia, vivendo insieme a Kristen e alla sua famiglia.

Qualche mese dopo la famiglia  si allontanò per una settimana dalla fattoria per le vacanze estive, durante le quali un amico si sarebbe occupato di tutto ciò che occorreva. Ma fu proprio in quei giorni che Casey fuggì, facendo perdere le sue tracce.

Le speranze di ritrovarlo erano ormai poche perchè nessuno sapeva dove poteva essere andato. Per questo la reazione dell’assistente della casa di cura che vide Casey sporco e dimagrito entrare nella casa di cura fu di estremo stupore. Aveva davanti ai suoi occhi un cane che aveva percorso decine di kilometri per circa 50 giorni e lo aveva fatto per rivedere la sua padrona.

Dopo il commovente incontro Casey è tornato con la sua famiglia in fattoria, ma continua ad incontrare la sua padrona. La signora Oleta ha compiuto 91 anni lo scorso Novembre e ancora oggi è felice di rivedere il suo fedele amico all’interno della clinica.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here