Benzina e diesel: prezzi in vertiginosa crescita

Continua alla pompa il rincaro dei prezzi dei carburanti, al punto che nelle Regioni del Centro e del Sud si è arrivati anche ad oltre 1,8 euro al litro per la “verde”. A riportarlo in data odierna è la Federconsumatori nel ribadire come oramai la situazione sia insostenibile per gli automobilisti e per la famiglie chiamate a sostenere costi diretti e indiretti che rappresentano in tutto e per tutto un salasso. L’Osservatorio della Federconsumatori, non a caso, valuta la stangata diretta ai danni degli automobilisti in quasi 200 euro annui; la mazzata è frutto chiaramente anche del recente ed ennesimo aumento delle tasse sulla benzina a fronte di una quota di prelievo, attraverso le accise, che finanzia ancora missioni all’estero finite da un bel pezzo.

Ai costi diretti per gli automobilisti, pari a 192 euro, la Federconsumatori calcola che altri 161 euro annui sono da mettere in conto sia per l’effetto indiretto dell’aumento dei carburanti, sia per l’aumento dei pedaggi autostradali che è arrivato puntuale anche quest’anno.

E non finisce qui visto che incombe alla fine del terzo trimestre del corrente anno l’aumento dell’aliquota Iva ordinaria dal 21% al 23%; trattasi di una misura che il Premier Monti, ieri sera a “Che tempo che fa” su Raitre, non ha confermato e neanche smentito. Con la conseguenza che in questi casi, viste che anche le pressioni sul nostro debito, è più probabile temere il peggio. Le speranze di un ribasso dei prezzi sono ora legate sia alla “fase 2” del Governo Monti, sia al possibile calo del greggio sui mercati.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here