USA, due grane per Romney: conto Cayman e riconteggio in Iowa

Quando siamo vicinissimi al prossimo appuntamento elettorale delle primarie del Partito Repubblicano nel South Carolina, il dibattito si arricchisce di ora in ora, rendendo sempre più interessante la corsa per la nomination. Il primo dato è un vero scoop, che sebbene non cambi nulla da un punto di vista dei fatti, modifica certamente un po’ la percezione di come sia andata per ora il voto. Il quotidiano locale Des Moines Register ha pubblicato oggi un articolo, in cui si annuncia che il voto in Iowa sarebbe finito in parità. La notte delle elezioni del 3 gennaio, Romney fu proclamato vincitore con soli otto voti di scarto sulla vera sorpresa del voto Rick Santorum: 30.015 contro 30.007.

Tuttavia, il candidato italo-americano aveva preteso un riconteggio, che avrebbe esitato una vittoria per 34 voti per Santorum, ma si sarebbero perso i dati su 8 seggi sui 1700 dislocati in tutto lo stato, rendendo impossibile una proclamazione ufficiale e in mancanza della quale, i vertici del GOP in Iowa hanno dichiarato la parità tra i due candidati.

Da un punto di vista pratico non cambia nulla, perché i pochi seggi dello stato vengono distribuiti con il sistema proporzionale, per cui non ci sono novità sul dato diramato il 3 gennaio scorso. Resta il fatto che Romney non sarebbe più l’unico candidato ad avere vinto sia in Iowa che nel New Hampshire, mentre ha già potuto sfruttare la popolarità di questi primi risultati in suo favore.

Ma l’altro problema serio che il mormone deve affrontare è una rivelazione della Abc, per cui Romney avrebbe un conto alle Cayman di dieci milioni di dollari. Il suo staff conferma che si tratta di soldi legali, ma è chiaro che l’opinione pubblica non si entusiasma di queste cose, specie dopo avere scoperto che grazie agli sconti fiscali, Romney paga il 15% di tasse, l’aliquota minima.

Ultima novità arriva dagli sfidanti, in particolare dal governatore del Texas, Rick Perry, che sconfortato dai sondaggi che lo darebbero a pochissimi punti nel South Carolina, si è ritirato dalla corsa, annunciando il suo sostegno per l’amico Newt Gingrich. Quest’ultimo sarebbe indietro a Romney di 7-10 punti percentuali e i pochissimi voti di Perry non pare che possano rilanciarlo più di tanto.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *