Consultazioni, Bersani incontra il Movimento 5 Stelle: niente fiducia

Niente fiducia: Pierluigi Bersani si scontra contro il muro del Movimento 5 Stelle. Durante le consultazioni del leader del Pd con i capigruppo alla Camera e Senato dei grillini, Roberta Lombardi e Vito Crimi, è emersa l’inconciliabilità tra la posizione dei due partiti. Il premier pre-incaricato da Napolitano non ha trovato alcuna apertura nell’incontro durato mezzora e trasmesso in diretta streaming: sì al voto di provvedimenti condivisi, no alla fiducia a un qualsiasi governo che non sia quello a cinque stelle.

Bersani ha iniziato il discorso chiudendo a qualsiasi ipotesi di governissimo e illustrando alcuni dei provvedimenti che il suo Governo si impegnerà a portare in Parlamento, ricevendo però la riposta secca della Lombardi: “Da venti anni sentiamo le stesse parole, da venti anni si parla delle stesse cose e non sono mai state realizzate. Mi sembra di essere a Ballarò“.

Immediata e piccata la risposta del leader democratico: “Questo non è Ballarò, qui è una roba seria e i prossimi mesi saranno durissimi”. Davanti al netto rifiuto del Movimento 5 Stelle a appoggiare qualsiasi governo che includa i partiti politici, Bersani ha fatto presente che è possibile far partire un esecutivo con mezzi diversi dalla fiducia (chiaro il riferimento alla possibilità di abbandonare l’aula per far abbassare il quorum), una eventualità a cui i due capigruppo grillini si sono rifiutati di prendere in considerazione, chiarendo anche nell’incontro con la stampa che non sono disponibili a far partire un governo a guida Pd.

Niente di fatto quindi per Bersani che a questo punto domani, o forse venerdì mattina, salirà al Quirinale per rendere ufficiale il suo fallimento: cosa farà a quel punto Napolitano? Impossibile il ritorno al voto, probabile che il Presidente abbia già in mente un nome da mandare in Parlamento per cercare la fiducia. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *