Milano: bambina di 3 anni violentata all’asilo

Milano. Una bambina di soli tre anni violentata dalla segretaria dell’asilo dove ogni giorno i genitori l’accompagnavano pensando che fosse al sicuro. Gli episodi risalgono al periodo estivo del 2011: luglio; una segretaria di 54 anni cominciò a incentrare le sue perverse attenzioni nei confronti di una piccola alunna di tre anni.

Durante il campo estivo di quell’anno, la donna era solita, durante il riposo che si svolgeva regolarmente nelle ore pomeridiane, si recava dalla piccola e mostrava le sue attenzioni; la donna era solita indossare una parrucca, in quanto affetta da tumore era costretta a sottoporsi a cure chemioterapiche, che come sappiamo comportano questo effetto collaterale.

La donna cinquantaquattrenne si avvicinava alla piccola, si levava la parrucca e si fingeva un uomo; in quei momenti la piccola era sottoposta al suo malsano interesse, violenza spesso accompagnata da minacce e percosse.

La bimba ha cominciato a dare i primi segni a casa che qualcosa non andava; pianti e strana inquietudine per una bambina di tre anni hanno insospettivo i genitori; era chiaro che qualcosa nella loro piccola di tre anni era cambiato, che qualcosa la turbava. Con le dovute cautele mamma e papà sono riusciti a farsi raccontare dalla bambina che cosa le accadeva; era il 2 agosto quando i genitori si sono recati alle autorità competenti ed esposto denuncia. Dopo tutte le indagini del caso, i carabinieri hanno così scoperto che cosa accadeva all’asilo; la segretaria è stata rinviata a giudizio.