Los Roques: ritrovato relitto aereo scomparso nel 2008, a bordo otto italiani

E’ stato localizzato a una profondità di 970 metri, a sei miglia a sud dall’isola di Los Roques, il relitto del piccolo aereo da turismo scomparso nel nulla il 4 gennaio di cinque anni fa al largo dell’arcipelago situato a 200 km a nord di Caracas. La notizia, riferita dalla stampa locale, è stata confermata anche da Luisa Ortega Diaz, procuratrice generale della Repubblica di Caracas.

Il bimotore Let 410 della compagnia privata Transaven era precipitato in mare poco dopo il decollo dall’aeroporto Maiquetia di Caracas mentre era diretto a Los Roques, meta paradisiaca per i turisti. Venticinque minuti dopo la partenza, ad un’altitudine di 3 mila piedi e a circa 16 miglia dall’arcipelago, il pilota aveva lanciato un SOS.

Immediate le ricerche che per anni le non hanno  avuto alcun esito, fino ad oggi, quando la nave oceanografica Sea Scout, che da giorni scandagliava l’area a seguito di un accordo bilaterale tra Venezuela e Italia, ha individuato il relitto del piccolo aereo a bordo del quale viaggiavano, lo ricordiamo, 14 persone tra cui otto cittadini italiani: Stefano Frangione, Fabiola Napoli, Paola Durante, Bruna Guarnieri, le figlie Sofia e Emma, e le bolognesi Rita Calanni e Annalisa Montanari. Alla notizia della localizzazione del relitto però non è seguito alcun riferimento su eventuali resti umani o oggetti appartenuti ai passeggeri ritrovati in loco, né è a quando e come si possa procedere al recupero.

In ogni caso, il ritrovamento dell’aereo scomparso nel 2008 ha riacceso la speranza che un esito simile possano avere anche le ricerche dell’aereo con a bordo Vittorio Missoni, la compagna e una coppia di amici, sparito il 5 gennaio 2013 sulla stessa rotta, ma in direzione contraria. La coincidenza delle date della sparizione dei due aerei, oltre ad accrescere la scia inquietante di incidenti di Los Roques, aveva dato adito a ogni tipo di speculazione, tra cui quella che entrambi i velivoli fossero stati dirottati da un gruppo di narcotrafficanti colombiani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *