USA: sì ai matrimoni gay – Obama “Passo storico”

New York. Importante passo storico come lo definisce Obama, quello di oggi che ha investito gli USA. La Corte Suprema ha di fatti abolito il Doma – ossia la legge Federale secondo la quale il matrimonio legittimo era solo quello tra uomo e donna. Arriva così un’altra tappa importante per gli Stati Uniti sotto il Governo Obama: il sì storico al matrimonio gay.

La Corte Costituzionale ha spiegato il motivo della decisione, asserendo che quella legge violava il quinto emendamento – ossia la difesa della  libertà individuale. Una data importante quella di oggi e una decisione tanto attesa e aspettata dal mondo gay americano, forti applausi e festeggiamenti si sono verificati fuori il palazzo della Corte Suprema e anche nel bar gay più famoso della città, dove circa un centinaio di persone hanno atteso l’annuncio in vigile silenzio in diretta tv. Subito dopo si è alzato un grande boato liberatorio.

Questa decisione della Corte Suprema non si è espressa sulla Proposition 8 – la legge che vieta in California i matrimoni omosessuali, ha di certo però favorito un dibattito che potrebbe vedere così l’abolizione della suddetta legge.

Su ansa si legge anche che il compito e l’interessamento del Presidente Obama è stato fondamentale, senza di lui, si dichiara, che forse questo giorno sarebbe rimasto solo un sogno per tutta la comunità gay americana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *