Il dibattito politico è fermo a un anno fa

Un giornale digitale tutto nuovo, una nuova redazione, nuove pagine web da consultare e leggere. Una nuova sezione, Politica, per raccontare quello che succede «a Roma», e non solo.
Si parte da qui, dopo una brevissima pausa estiva in cui, in realtà, non siamo mai stati abbandonati dalle vicende politiche. Le ultime due estati avevano visto lo spread protagonista assoluto dei Tg nazionali e dei titoli dei principali quotidiani. Quella appena conclusa, invece, ha avuto i riflettori puntati solo su Silvio Berlusconi e Matteo Renzi. L’ex premier ha accompagnato gli italiani per tutto il mese di agosto con le note vicende giudiziarie e, in particolare, con la sentenza della Cassazione sul processo Mediaset e con tutto ciò che ne è derivato. Dal sit-in con palco non autorizzato, al duello interno tra falchi e colombe.
Il sindaco, invece, ha occupato i nostri schermi con gli attacchi ai dirigenti di partito direttamente dai palchi delle Feste dell’Unità. Evento d’apparato per eccezione, durante le ultime settimane le Feste hanno accolto Renzi a braccia aperte dando un’importante carica emotiva al sindaco, che non aveva mai avuto dalla sua più di una nicchia di amministratori sparsi nei territori.

Nonostante il Governo sia stato privato della fiducia, le primarie a novembre e dicembre, e le elezioni nazionali e amministrative, il quadro politico è sostanzialmente fermo a un anno fa, con un nuovo Governo del Presidente, un Mario Monti in meno, e un Enrico Letta in più. Intanto, il dibattito politico è incentrato sulle vicende giudiziarie di Berlusconi e sul tentativo di presa del Nazareno da parte di Matteo Renzi. Come – appunto – un anno fa.

Ma da oggi, rispetto a un anno fa, ci siamo anche noi. Seguiremo tutti i candidati alle primarie del Partito Democratico, gli aggiornamenti su falchi e colombe del Pdl, sapremo tutto su scontrini e battaglie del Movimento5Stelle, e pedineremo tutti i politici via twitter.
In attesa – e con la speranza – di scrivere qualcosa sui lavori parlamentari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *