BookCrossing: leggi e libera i tuoi libri

Quasi 10milioni di libri che viaggiano liberamente in 132 paesi. È questo il Bookcrossing, la versione moderna del messaggio in bottiglia lasciato navigare liberamente in mare aspettando che uno sconosciuto lo recuperi. La differenza? È che oggi esiste il web. E tramite il web puoi seguire il “tuo” libro in giro per il mondo. E non naviga in mare ma di mano in mano. Perché “se ami i tuoi libri, devi lasciarli andare”. (New York Times)

Come funziona lo scambio di libri? Esso è controllato attraverso il sito ufficiale, disponibile in dodici lingue diverse. Ci sono tre passaggi da seguire:
1.Etichetta: Dopo esserti registrato, registra anche il tuo libro gratuitamente, e ottieni un ID BookCrossing, un codice che contrassegnerà il tuo libro e attraverso il quale potrai sempre sapere con chi è e dove. L’etichetta potrai sceglierla tra quelle presenti sul sito o crearla tu.
2.Condividi: lascia andare il tuo libro. Puoi farlo in diversi modi: passalo ad un amico o ad un altro Bookcrosser registrato sul sito; lascialo in un parco, al bar o alla stazione; oppure apri una “Zona ufficiale BookCrossing”(OBCZ), un vero e proprio luogo di scambio dei libri.
3.Segui: quando un altro lettore trova il tuo libro, può inserire il suo codice nel sito e tu potrai sapere dove si trova il libro.

Un’idea così originale non poteva che essere nata da due americani, Bruce e Heather Pedersen, fratello e sorella dell’Idaho, che nel 2001 hanno fondato il sito con un’unica missione: unire le persone attraverso i libri. Gratuitamente.

Sul sito ufficiale del BookCrossing è stata stilata inoltre una lista dei paesi che fanno più uso di questo metodo di scambio: Stati Uniti 29%, Germania 16%, Regno Unito 13%, Paesi Bassi 11%, Finlandia 10%, Canada 8%, Australia 5%, Francia 4%, Portogallo 3%, e infine la Spagna 1%. Purtroppo l’Italia non figura tra questi dieci. Facile pensare che da noi questa sorta di “liberazione dei libri” non sia stata ancora avviata. Falso. Sono numerose le zone ufficiali BookCrossing diffuse in tutta Italia e sono rintracciabili sul web attraverso vari siti che pubblicano gli elenchi di OBCZ presenti nel nostro Paese. Un esempio è bookcrossing-italy.com, un sito di supporto alla diffusione degli OBCZ in Italia.

Cosa aspettate allora? Iniziate anche voi questo viaggio interattivo assieme ai vostri libri preferiti. Perché “La lettura è il viaggio di chi non può prendere un treno“. (Francis de Croisset)

In copertina: un esempio di zona BookCrossing su un davanzale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *