Juventus-Milan: rossoneri in cerca di riscatto, si tenta il colpaccio

“Matri? Gli addetti ai lavori guardano le partite in maniera differente rispetto a chi deve fare comunicazione. I secondi cercano qualcosa per destare attenzioni e curiosità. Su Matri io faccio gli scongiuri, mi auguro che non sia domani il giorno in cui si possa svegliare e fare gol. Non sono sorpreso che si cerchi in tutti i modi di destabilizzare tutto l’ambiente; sono cose facilmente prevedibili. Un mese e mezzo fa avevo parlato di questo tipo di possibili difficoltà. Anche l’anno scorso eravamo con cinque vittorie e un pareggio. Questo è il nemico che si nasconde dappertutto, io penso di essere l’unico a non essere sorpreso. Quando si lavora tanto non si ha niente da recriminare, poi si può vincere e perdere, questo è il calcio. Anche l’anno scorso il percorso non è stato semplice, mi viene da sorridere perché sono un uomo di sport e conosco questo tipo di situazioni. L’anno scorso si parlava di una corazzata infermabile. Squadra migliore o peggiore? Io dico che c’è sempre da migliorare, soprattutto quando all’inizio di stagione di trovi ad affrontare tante situazioni come in ritiro.

Queste sono state le parole di Antonio Conte alla vigilia di Juventus-Milan. L’allenatore bianconero si è concentrato particolarmente sull’attenzione mediatica data alla partenza non proprio eccelsa della sua Juve, ma dichiara di non essere preoccupato. Nei giorni scorsi molti hanno azzardato ad ipotizzare un cambio di modulo, si prospettavano un 4-2-4 o il più classico dei 4-3-3. Tutto smentito da Conte che ha dichiarato di non avere ali a disposizione per delle simili soluzioni tattiche. Spazio dunque al solito 3-5-2 con il ritorno di Marchisio a centrocampo, l’infortunio di Vucinic ha aperto le porte all’uomo di coppa Quagliarella. In dubbio anche Lichtsteiner che dovrebbe essere sostituito da Padoin.

Più sulla difensiva invece mister Allegri:
“Conte è un ottimo allenatore, è quello più vincente in Italia negli ultimi due anni. Nonostante le critiche alla Juve, sta lottando per il campionato. E’ la favorita per il campionato, in Champions ha giocato un’ottima partita subendo due gol su errori di Bonucci. A volte i risultati cambiano spesso le opinioni sulle prestazioni della squadra”. In questo momento, alla Juve sono state fatte critiche ingiuste. A parte la mezza battuta a vuoto, la Juve è avanti a noi di otto punti ed è la favorita. Per quanto riguarda Matri, deve continuare così. Gli manca solo il gol, viene sfruttato per le sue caratteristiche, ha sbagliato dei gol a Bologna ed è stato sfortunato contro la Samp. Speriamo che domani arrivi il gol.”

Il Milan fatica ad ingranare ed i tanti infortuni hanno aggravato la situazione. Senza Balotelli (squalificato) ed El Shaarawy (infortunato) si affida al duo Robinho-Matri per l’attacco con l’ex juventino che non vede l’ora di segnare il suo primo goal con la magli del Milan. Molti dubbi sul centrocampo che per ora vede in Montolivo l’unica certezza. Voci di corridoio danno per certa anche la partenza di Nocerino e Poli dal primo minuto con Emanuelson e De Jong che scalpitano per giocare. Ma si sa che tutto può accadere e con così poche certe l’unica cosa sicura di questo Juve-Milan è che i rossoneri ce la metteranno tutta per espugnare lo Juventus Stadium.