Dopo 16 anni Nokia abbandona Symbian

Il sistema operativo Symbian viene ufficialmente abbandonato da Nokia. Dall’1 gennaio 2014 non accetterà nuovi contenuti per lo store Symbian, quindi non sarà più possibile creare nuove applicazioni e nemmeno aggiornare quelle già esistenti. In oltre non verrà fornito nessun tipo di supporto agli sviluppatori, in quanto tutte le risorse saranno spostate su Windows Phone e Asha. Per i clienti invece il supporto è garantito fino al 2016.

Symbian OS inizialmente fu utilizzato da Sony Ericsson, fino al 2008 quando Nokia decise di rilevare le quote azionarie e diventare l’unico proprietario del sistema operativo, con la creazione di Symbian Foundation. Dopo 16 anni di ottimo servizio, questo sistema operativo viene messo da parte.

Symbian è stato per lungo tempo il sistema operativo più diffuso in assoluto: nel 2006 il suo market share era del 73%, e fino al 2010 Nokia ha venduto più di 250 milioni di smartphone in tutto il mondo che supportavano Symbian, mentre fino al 2013 erano stati venduti 500.000 dispositivi.

Il 24 gennaio 2013 però Nokia ha comunicato di non voler più utilizzare Symbian per i propri dispositivi e l’11 giugno ha deciso di terminare la produzione di dispositivi dotati di Symbian. Questo perchè Nokia ha preferito scegliere Windows Phone per gli smartphone e Asha per i feature phone, entrambi sotto il controllo di Microsoft.

L’ultimo modello di smartphone che ha usato questo sistema operativo è stato il Nokia 808 PureView, le cui tecnologie fotografiche sono state integrate nel Nokia Lumia 1020.

Per coloro che hanno usato Symbian in passato, ritroveranno una delle sue funzionalità nei nuovi Windows Phone grazie all’app Glance Background, ancora in versione beta, con opzioni simili allo Sleeping Screen dei vecchi Symbian. L’utente può impostare un’immagine di sfondo per il Glance screen dei Lumia, creare uno sfondo utilizzando le proprie immagini e applicare effetti con un semplice editor. L’app richiede prima l’installazione dell’update Amber con Windows Phone GDR2.

Stessa sorte toccherà a MeeGo, che ha avuto una vita ancora più breve, meno di due anni.

Nella lettera agli sviluppatori Nokia scrive: “Siamo molto entusiasti delle opportunità offerte dalle piattaforme Asha e Windows Phone e speriamo che trasferirete il vostro talento su tali piattaforme. Crediamo che questi cambiamenti contribuiranno a migliorare la nostra capacità di sostenervi per sviluppare fantastiche applicazioni per i vostri clienti“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *