A spasso nella stratosfera ad un prezzo quasi sostenibile

Il turismo sta raggiungendo nuove mete e chi da piccolo alzava gli occhi verso il cielo sperando un giorno di poterlo raggiungere, ecco che ora è diventato possibile con il budget giusto, o quasi.

Una nuova società si affaccia sul mercato, facendo concorrenza alla Virgin Galactic del miliardario Richard Branson che da anni organizza voli nello spazio per ricchi appassionati.
Si tratta di World View nuova compagnia di Tucson negli Stati Uniti, sta programmando non proprio voli nello spazio, ma una vacanza ad alta quota fino a trenta chilometri dal suolo con dei veri Space Balloon, dei “palloni dello spazio” all’elio agganciati ad una capsula.

La compagnia vuole dare la possibilità ai curiosi passeggeri di vedere un cielo nero, la curvatura della Terra utilizzando un razzo sub-orbita e pagando il “biglietto”.
Il prezzo iniziale varia dai 70.000 ai 100.000 dollari, non alla portata di tutti ma, più abbordali rispetto ai listini delle uniche altre due compagnie che al momento si occupano di questi viaggi, di sicuro gli appassionati dello spazio interessati dalla nuova attività saranno in molti.

Far vedere la Terra, lo spazio intorno ad essa in modo da creare una maggiore connessione con il nostro pianeta e l’universo che ci circonda. Il nostro obiettivo è di aprire una nuova realtà facendo leva sulla curiosità umana, sulla ricerca scientifica, e l’educazione“, questi sono i capisaldi esposti dal CEO Jane Poynter che spera nei prossimi anni di poter anche abbassare i prezzi di partecipazione per arrivare davvero a permettere ad ogni curioso di realizzare il desiderio di trovarsi nella stratosfera.

Le condizioni per andare a così alta quota sono le stesse utilizzate per chi si accinge ad andare nello spazio vero e proprio perché i passeggeri ed i piloti subirebbero lo stesso tipo di decompressione di qualsiasi astronauta, i viaggi della compagnia prima di essere approvati sono stati collaudati e siglati dalla Federal Aviation Administration.

Un’avventura sul “bordo” della Terra e World View si aspetta di avere la possibilità di inviare i suoi Balloon da diversi postazioni localizzate nel paese, eventualmente si espanderanno in tutto il mondo.
Una volta terminato il tempo di osservazione, il pallone si staccherà dalla capsula, e discenderà sulla Terra attraverso un complesso sistema a metà tra un paracadute ed un attrezzo da parapendio, ideato per rendere più “morbido” l’atterraggio e più manovrabile la ridiscesa. Gli ideatori lo hanno definito “uno spettacolare volo nello spazio più vicino” che “permette ai passeggeri di rimanere in alto per ore a un prezzo sostenibile“.

Il turismo nello spazio compirà un altro passo avanti. Entro tre anni potrebbe essere possibile guardare la Terra da più di 30.000 metri d’altezza, e 8 passeggeri potranno provare un’emozione unica per tre ore.
La Paragon Space Development, azienda ideatrice della startup specializzata nella strumentazione ed equipaggiamento delle navi spaziali, spera di trovare sufficienti passeggeri entro il 2016, per fare un nuovo piccolo passo per l’uomo, ma un grande passo per l’umanità intera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *