Crisi? Arrivano i parrucchieri self service

Il sogno di ogni donna? Tacchi a volontà, trucco sempre perfetto, container di vestiti e capelli sempre in ordine, perfetti, colorati e senza doppie punte. Da oggi si può, o meglio, da oggi si pensa al futuro: arrivano i parrucchieri “fai da te”, con pochi euro e messa in piega a regola d’arte, usando prodotti professionali, garantiti ed efficienti. Il sogno si chiama via Belzoni 182. Self Made è un negozio di parrucchieri a tutti gli effetti, con la grandiosa invenzione del self service per chi fosse abbastanza curioso da provare look azzardati, senza spendere un capitale di soldi. Il “progetto aziendale” è aperto anche al genere maschile: finalmente ciuffo perfetto, cresta, doppio taglio e cera nei capelli.

A dare consigli Tamara e Chiara. La prima con una lunga esperienza già maturata e i capelli cortissimi. L’altra non una recluta, ma una giovanissima aspirante parrucchiera dalla chioma indipendente. Il titolare è Nicola Carraro, conosciuto come Nico, già titolare del parrucchiere di via Filiberto in centro, di via Marconi a Cadoneghe e di piazza Europa a Noventa. «Ho scoperto questo sistema a Las Vegas, durante un corso di aggiornamento – racconta – so che funziona in molti paesi europei, soprattutto fra i giovani. Da noi esiste solo a Roma. Ma non è sottostimato e mi sorprende che le nostre clienti siano soprattutto erasmus spagnole. Non ci spieghiamo nemmeno noi questa reticenza – ammette Tamara – ma una cosa l’abbiamo capita: chi va dal parrucchiere vuole farsi anche coccolare, a discapito della curiosità e della voglia di giocare con il proprio look, che è esattamente lo spirito di questa nuova formula di parrucchiere».

Il boom dei parrucchieri “self-made” ha vissuto il suo boom iniziale a New York. Lì infatti, sono mesi che si assiste alla moda del “capello fai da te”, con un notevole risparmio in termini economici e un successo e un ottimo risultato dal punto di vista della qualità del servizio, accompagnato sempre dal consiglio e parere di professionisti sempre a disposizione del cliente. Adesso sbanca anche a Roma, in via dei Cappellari, a pochi passi da Campo dei fiori, il primo salone che consente alle clienti, con una notevole riduzione di costi, di curare i propri capelli. Il progetto è stato inaugurato nel salone di Roberto Carminati.

«Da un’idea dei miei collaboratori, abbiamo deciso di adottare questa “filosofia” che a New York è attiva in tantissime strutture già da alcuni mesi – spiega all’ADNKRONOS, Carminati – Dedichiamo metà dell’area del nostro salone a questo servizio, mettendo a disposizione delle nostre clienti tutti gli accessori e le attrezzature di primissima qualità, dalla piastra al phone ai pennelli per il trucco: possono operare da sole, ovviamente con la nostra supervisione». Continua poi dicendo: «Noi gli facciamo lo shampoo, poi se vogliono asciugare i capelli o tagliarli da sole gli diamo tutto il necessario restando a loro disposizione per la consulenza. Possono prepararsi anche il colore: in quel caso gli forniamo guanti, ciotolina e pennello».

Il commento di Roberto Carminati continua ancora: «Molte nostre clienti abituali amano farsi i capelli da sé, ma magari a casa non hanno gli strumenti giusti o vogliono evitare l’incombenza di dover pulire tutto a lavoro finito».
La crisi, ormai ha colpito tutti. E come, allora, approfittare dell’opportunità risparmio? «Nel nostro salone normalmente la piega, compresa di tutto, costa 30 euro – prosegue l’hair stylist – Se si sceglie l’opzione self service il prezzo va dai 5 agli 8 euro. In questo modo, anche in tempi di crisi non si rinuncia al parrucchiere».

Il servizio, disponibile sette giorni su sette negli orari di apertura del salone, dalle 10.30 alle 20.30, sta riscontrando già un boom di adesioni e commenti positivi. Secondo le prime statistiche sono le donne dai 25 ai 60 anni circa a richiedere maggiormente il servizio.

Taglio netto? Cambio di look, cambio di vita? Basta un semplice paio di forbici e… zac.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *