Il nemico ti ascolta, così Obama usa la tenda anti-spie

L’amministrazione del governo federale blinda il Presidente Obama. Una tenda anti-spie lo proteggerà da occhi e da orecchie indiscreti. La vicenda ricorda vagamente i viaggi istituzionali di Gheddafi, con tanto di tenda sfarzosa al seguito. Lo ha deciso lo staff dello stesso presidente dopo lo scandalo dello spionaggio che ha coinvolto diversi leader e paesi europei, tra cui pare anche l’Italia, e che ha fatto traballare gli equilibri internazionali.

Una tenda dotata di un sistema che emette dei rumori per disturbare la registrazione di eventuali microfoni spia, e di impedirgli di intercettare le conversazioni che avvengono all’interno della tenda. L’amministrazione di Obama ne fa uso quando il presidente trascorre la notte in un albergo o quando si trova all’estero e ha bisogno di leggere un documento segreto, fare una telefonata o discutere con gli altri membri del governo federale. La tenda è stata utilizzata anche in un albergo di Rio de Janeiro, nel 2011, in occasione di una telefonata tra Obama e Joe Biden riguardante gli ultimi sviluppi dell’intervento in Libia.

Queste precauzioni sono applicate anche ai membri dell’amministrazione, seppure in maniera meno invasiva. Addirittura è tassativamente vietato l’uso di cellulari e iPad, soprattutto nei paesi “rivali”, come la Russia e la Cina. Anche se l’amministrazione ha dovuto fare un piccolo strappo alla regola. Pare che il Presidente Obama non abbia voluto rinunciare al suo Blackberry, a cui è legato da quando era senatore, ed ha costretto lo staff a schermarlo, così da renderlo immune alle intercettazioni.

Infine una limousine lo segue praticamente ovunque, per evitare l’utilizzo di altre auto che potrebbero essere piene di cimici. Un “sacrificio” tutto sommato accettabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *