Bruce Springsteen, grandi speranze per il suo nuovo album “High Hopes”

Il Boss fa grande ritorno sulle scene della musica rock con la presentazione del nuovo singolo “High Hopes“, il quale farà da titolo al suo diciottesimo album che uscirà il 14 Gennaio 2014. Questa volta a collaborare con il celebre Bruce Springsteen non ci saranno soltanto gli storici membri della E Street Band, ma si assisterà alla nascita di un nuovo connubio voce-chitarra con uno dei più grandi chitarristi Tom Morello, già componente dei Rage Against The Machine.

L’album è stato annunciato dallo stesso Springsteen attraverso i suoi canali Social Network: Instagram per la pubblicazione dell’immagine di copertina del disco e Twitter per la presentazione della sua track list, così pubblicata:

01. High Hopes
02. Harry’s Place
03. American Skin (41 Shots)
04. Just Like Fire Would
05. Down In The Hole
06. Heaven’s Wall
07. Frankie Fell In Love
08. This Is Your Sword
09. Hunter Of Invisible Game
10. The Ghost Of Tom Joad
11. The Wall
12. Dream Baby Dream

Il disco è stato inciso a New York City, Los Angeles, New Jersey, Atlanta e in Australia ed è composto da dodici tracce che contengono cover, inediti e versioni di alcune sue canzoni già note e riarrangiate. Il suo nuovo singolo “High Hopes“, infatti, è una rivisitazione di un suo brano inciso negli anni ’90 e il Boss conclude così: “Stavo lavorando a un disco di brani inediti tra i migliori dell’ultimo decennio quando Tom Morello, che sostituiva Steve durante le date australiane del tour, ci suggerì di aggiungere “High Hopes” alla scaletta dei concerti. […] Durante le prove del live abbiamo preparato il pezzo, poi con Tom alla chitarra abbiamo davvero spaccato. […] Tom e la sua chitarra sono diventati la mia musa e hanno portato l’intero progetto a un livello superiore. Grazie per l’ispirazione Tom. Alcune di queste canzoni, “American Skin” e “The Ghost Of Tom Joad”, le conoscete già nelle loro versioni live. Ho pensato che fossero tra i pezzi migliori che io abbia scritto e meritavano una registrazione con tutti i crismi. “The Hole” l’ho suonata dal vivo qualche volta e rimane un brano a me molto caro. Il titolo e l’idea sono di Joe Grushecky, ma il brano è nato dopo che io e Patty abbiamo visitato il Vietnam Veterans Memorial a Washington. Si ispira ai miei ricordi di Walter Cichon, uno dei più grandi rocker della costa del New Jersey“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *