Marlene Kuntz, una musica per “La signorina Else”

Partiti da Torino e successivamente approdati al Trento Film Festival, dal 12 Dicembre i Marlene Kuntz arrivano anche a Napoli nella settecentesca Villa Pignatelli alle ore 21 per la prima edizione di Effetto Museo. La signorina Else è lo spettacolo in scena: una delle prime incursioni tra cinema muto e musica rock prodotte dal Museo Nazionale del Cinema.

Il gruppo piemontese imposta il concerto-spettacolo creando una colonna sonora improvvisata sulle immagini del film muto “La signorina Else” di Paul Czinner, un capolavoro del cinema muto del 1929. La voce e la chitarra di Cristiano Godano, la chitarra di Riccardo Tesio e la batteria di Luca Bergia portano lo spettacolo in giro per l’Italia e non solo.

La band piemontese ha da poco pubblicato il suo nono album intitolato Nella tua luce e il loro talento è stato largamente dimostrato nelle precedenti collaborazioni con il mondo cinematografico. La loro musica è stata scelta come colonna sonora per Babylon di Guido Chiesa. Ancora, Jack Frusciante è uscito dal gruppo di Enza Negroni, i film di Davide Ferrario Tutti giù per terrà e Tutta colpa di Giuda contengono i brani musicali dei Marlene Kuntz.

Già nel 2005 i Marlene Kuntz hanno sonorizzato due film muti ritoccati dalla Cineteca del Comune di Bologna, Rapsodia Satanica di Nino Oxilia e L’uomo meccanico di Andre’ Deed.
La signorina Else, tratto da un racconto di Artur Schnitzler del 1924, fu girato in Germania alla fine degli anni Venti prima dell’avvento del nazionalsocialismo. Questo percorre un viaggio nella psiche umana, passando dal genere commedia e terminando acquisendo tratti del grande romanzo psicologico.
L’evento è mirato a generare l’Effetto Museo, ovvero rilanciare alcuni tra i più interessanti musei della città creando spazi ricreativi per i cittadini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *