Inter, Mazzarri contro il suo passato. Convocato Icardi

Quattro anni nel calcio (soprattutto quello italiano) sono lunghi, e per un allenatore rimanere alla guida di una squadra per tanto tempo porta a creare un legame forte, quasi viscerale, con un ambiente. È questo il caso di Mazzarri, che stasera affronterà il “suo” Napoli al San Paolo. Un passato positivo, in cui il tecnico di San Vincenzo ha condotto una squadra da poco tornata in Serie A nelle zone nobili della classifica, anche se molti ora fanno finta di dimenticare, ma non lui: “È una vigilia particolare. Non è facile dimenticare 4 anni. Ho tanti bei ricordi. Sono stati anni intensi. Ma adesso la mia testa è all’Inter. Devo preparare i miei ragazzi, ben sapendo quali difficoltà incontreremo. Devo dare i miei input alla squadra, perché conosciamo la forza del Napoli“.

Gli azzurri, dopo la beffa subìta nel girone di Champions , sono desiderosi di riprendere la marcia in campionato, per rimanere nella scia di Juventus e Roma. Il match contro l’Inter avrà un sapore particolare anche per Benitez, che da tempo ha il dente avvelenato con la società nerazzurra per il trattamento riservatogli nei primi sei mesi del post-Mourinho. Mazzarri conosce bene le difficoltà a cui andrà incontri, ma la sua Inter non può lasciarsi dietro un altro risultato negativo se vuole puntare alla zona Champions. La formazione schierata dai nerazzurri dovrebbe essere quella “classica” col 3-5-1-1, con Guarin (recuperato dall’acciacco avuto in settimana) dietro l’unica punta che sarà come al solito Rodrigo Palacio. In attacco però spicca il ritorno tra i convocati di Mauro Icardi.

Il centravanti argentino, assente ormai da un mese e mezzo, è al centro di diverse polemiche per il rapporto con Wanda Nara. Stasera però è recuperato, e chissà che l’allenatore non possa dargli qualche minuto nel secondo tempo. “Maurito” è stato spesso decisivo subentrando dalla panchina, e un goal stasera zittirebbe parecchie delle voci che lui stesso ha contribuito ingenuamente a diffondere (ma a vent’anni non sempre si ha la lucidità di pensare prima di agire).

In difesa dovrebbe tornare titolare Andrea Ranocchia, anche se l’altro ex di turno Rolando è sempre in allerta, mentre a centrocampo Nagatomo è quasi certo di riprendersi il posto sulla sua prediletta fascia sinistra, con Zanetti che tornerebbe in panchina.

Appuntamento alle 20 e 45 di stasera, per una partita che si preannuncia davvero infuocata.

Probabili formazioni
Napoli: Reina, Maggio, Albiol, Britos, Armero, Behrami, Inler, Callejon, Pandev, Mertens, Higuain All.Benitez
Inter: Handanovic; Campagnaro, Ranocchia, J. Jesus, Jonathan, Taider, Cambiasso, Alvarez, Nagatomo, Guarin, Palacio All.Mazzarri