Cinepanettone e cartoon Disney, i film del weekend

Largo all’ondata natalizia in sala. Commedie, cartoon, cinema d’autore. Sotto l’albero di pacchetti da scartare formato cinema ce ne saranno per tutti i gusti. Ma come da tradizione sarà la sfida tra il cinepanettone di Brizzi e quello di Parenti a caratterizzare l’ultimo weekend prima delle feste.

Come la più classica delle commedie degli equivoci in Indovina chi viene a Natale?, ispirato – non solo nel titolo – al classico americano del 1967 “Indovina chi viene a cena”, Fausto Brizzi riunisce per le feste una chiassosissima famiglia allargata con i padroni di casa (Angela Finocchiaro e Diego Abbatantuono) che si preparano ad accogliere l’arrivo dell’amata figlia Valentina (Cristiana Capotondi) e del suo misterioso fidanzato. Progressisti e di larghe vedute accoglieranno con orrore la disabilità del futuro genero (Raoul Bova). E per la serie “Parenti serpenti” (Monicelli docet), tra cenoni e giochi natalizi, la famiglia si allea per ostacolare la loro unione. Contemporaneamente, il nuovo fidanzato (Claudio Bisio) della zia (Claudia Gerini), collezionista incallita di uomini sbagliati, sarà preso di mira dai figli di lei, disposti a tutto pur di farlo scappare. A fare da paciere, senza speranze, c’è il fratello acquisito (Carlo Buccirosso) perché a Natale, si sa, bisogna volersi tutti bene.

Dopo Colpi di Fulmine, il nuovo franchise natalizio targato De Laurentiis che ha definitivamente sostituito i vari “Natale a…”, continua con Colpi di Fortuna. Alla regia sempre Neri Parenti. Invariata anche la struttura corale divisa in episodi, tre per la precisione, interpretate da coppie comiche ormai collaudate: Christian De Sica e Francesco Mandelli, Lillo e Greg e Luca e Paolo che giocano con ironia sui colpi bassi della dea bendata. De Sica è un imprenditore molto superstizioso che al momento di concludere il più grosso affare della sua vita con dei clienti della Mongolia incappa in un traduttore (Mandelli) con la fama di jettatore; Lillo è un ex ballerino di successo che riceve un eredità inaspettata: un fratello (Greg) che non conosceva, ossessionato da mille manie; sulla scia di Una Notte da leoni, Luca e Paolo sono due amici per la pelle alla ricerca disperata, dopo una nottata di bagordi, del biglietto vincente della lotteria che uno di loro ha accidentalmente smarrito.

Dagli Stati Uniti arriva I sogni segreti di Walter Mitty, commedia sospesa tra realtà e immaginazione diretta e interpretata da Ben Stiller. Walter Mitty è un timido e impacciato photo editor che fugge regolarmente dalla realtà frustrante che lo circonda rifugiandosi nei ben più rassicuranti sogni ad occhi aperti, finchè per salvare il suo posto di lavoro si imbarcherà nell’avventura più incredibile di qualsiasi altra cosa egli avrebbe mai potuto sognare. Una magistrale Judy Dench, candidata ai Golden Globes, è la protagonista del toccante dramma di Stephen Frears Philomena (premio per la sceneggiatura all’ultimo Festival di Venezia), la storia (vera) di una madre irlandese che da tutta la vita si dispera cercando di ritrovare quel figlio della “colpa” che le fu strappato cinquant’anni prima, e “venduto” dalla Chiesa a una famiglia americana.

Ad allietare i più piccoli, non poteva mancare il cartone Disney di Natale. Costruito a mo di musical, Frozen – Il regno di ghiaccio si ispira al classico di Hans Christian Andersen “La regina delle nevi”. Quando una profezia oscura intrappola il regno Arendelle in un inverno eterno, la vivace e valorosa principessa Anna (con la voce di Serena Rossi) si intraprende assieme al coraggioso montanaro Kristoff e alla renna Sven, un viaggio avventuroso alla ricerca di sua sorella Elsa (Serena Autieri), la regina delle Nevi, per convincerla a interrompere l’incantesimo e a far sbocciare la primavera.

Infine, segnaliamo l’uscita (in sole 30 sale) di Spaghetti Story di Ciro De Caro, commedia generazionale low budget che vuole raccontare con leggerezza, ma senza banalità, la vita precaria dei trentenni di oggi tra speranze per il futuro e difficoltà quotidiane

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *