Massa Carrara, forse una faida dietro l’omicidio di Natale

Sembrerebbe un regolamento di conti quello a causa del quale hanno perso la vita Enrico Baria, un carpentiere di 30 anni, ed Andrea Fruzzetti, 23 anni compiuti proprio il giorno di Natale. I due, entrambi originari di Montingnoso, sono stati coinvolti in una lite a cui ha preso parte anche un 21enne di Massa Carrara, sospettato di aver sferrato le coltellate fatali.

La tragedia ha avuto luogo verso le quattro di mattina. Andrea Fruzzetti e gli amici si erano ritrovati in un circolo del centro storico per scambiarsi gli auguri di Natale e festeggiare i 23 anni di Andrea. La tensione è però salita quando nel locale è entrato un altro gruppo di ragazzi: i nuovi avventori non sono graditi, così vengono fatti uscire. Ma neanche loro gradiscono il gesto dal momento che, quando Andrea e gli amici escono dal locale, loro sono ancora lì. Nasce una disputa sempre più violenta, fino a quando un ragazzo 21enne tira fuori un pugnale e ferisce a morte Fruzzetti. Nel parapiglia generale restano gravemente feriti altri giovani, fra cui Enrico Baria sarà il solo a non farcela.

Dunque l’assassino non era solo: è stato spalleggiato da una vera e propria gang, che l’avrebbe protetto durante l’attacco e poi aiutato a fuggire. Il ragazzo aveva trovato rifugio presso casa della sorella, a Pontremoli, quando la polizia l’ha arrestato. Tutt’ora si trova in stato di fermo presso il comando provinciale dell’Arma di Massa-Carrara.

Ed è proprio la pista della faida quella che sta seguendo il sostituto procuratore Rossella Soffio, collegando il duplice omicidio agli episodi di violenza avvenuti a Cinquale, a Marina ed al Villaggio Castagnara.

A novembre quest’ultimo fu il teatro di una vera e propria “spedizione punitiva”, in cui un gruppo di ragazzi si era avventato contro il gruppo avversario armato di mazze da baseball e spranghe. Da lì in poi è stata un’escalation di violenza, fino ad arrivare al triste esito della notte scorsa. Ma già a Cinquale, si è sfiorata la tragedia il 22 dicembre scorso, con un ferito grave ricoverato in prognosi riservata all’ospedale di Carrara con la pleura perforata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *