Parma, primo neonato al mondo positivo al Covid: indagini in corso
Parma, primo neonato al mondo positivo al Covid: indagini in corso

Parma, primo neonato al mondo positivo al Covid: indagini in corso

Scoperto a Parma, da uno studio dell’Università, il primo neonato al mondo positivo al Covid-19. Proseguono le ricerche sul fenomeno.

Una notizia, rilanciata grazie ad uno studio portato avanti dall’Università di Parma, scuote il mondo intero. Un neonato di sette settimane sarebbe stato trovato positivo al Covid-19 già lo scorso 26 febbraio. Proprio i ricercatori dell’ateneo emiliano, attraverso uno studio pubblicato sull’International Journal of infectious disease, avrebbero dimostrato, studiando il campione naso-faringeo estratto dal neonato, come il virus circolasse già da diverse settimane prima che l’epidemia venisse effettivamente riscontrata nella città di Parma e che “nei bambini, la propagazione del virus è ancora  misconosciuta”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Vaccino sul Coronavirus: sono ben 118 quelli sperimentati in tutto il mondo, ecco i paesi più all’avanguardia

Studio dell’Università di Parma indaga sul neonato positivo al Covid-19: potrebbe essere il primo al mondo

sindrome kawasaki coronavirus
Un bambino in ospedale (Foto di Mylene2401 da Pixabay)

Il caso del lattante positivo al Covid-19 è al centro delle ricerche dell’Università di Parma da ormai diverse settimane. Secondo quanto pubblicato all’interno della ricerca, il lattante sarebbe stato ricoverato per pochissimi giorni nel reparto di Neonatologia dell’ospedale dell’Università di Parma con sintomi che potevano riferirsi ad un generico problema dell’apparato respiratorio e per il quale non era stato formulato alcun sospetto legato al Covid-19. Il virus è stato identificato in coltura circa 10 giorni dopo l’arrivo del campione in laboratorio. Solo grazie ad un’analisi scientifica del campione è stato possibile risalire a quanto accaduto.

PER APPROFONDIRE IN MANIERA COMPLETA LO STUDIO PUBBLICATO SULL’INTERNATIONAL JOURNAL OF INFECTIOUS DISEASE CLICCA QUI

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>>Alexander Parsons, 8 mesi, è la vittima più piccola della sindrome di Kawasaki, probabilmente legata al coronavirus: l’appello della mamma al governo