Milano, Sala impone il divieto di bevande alcoliche da asporto dalle 19
Milano, Sala impone il divieto di bevande alcoliche da asporto dalle 19

Milano, Sala impone il divieto di bevande alcoliche da asporto dalle 19

Milano, il sindaco Sala impone il divieto di bevande alcoliche da asporto dalle 19 per evitare nuovi episodi di assembramento come l’ultimo weekend

Continuano a far discutere gli episodi accaduti fuori ai locali di Milano e provincia, dove la movida sembrava scorrere tranquillamente come se il covid non esistesse. Gruppi di giovani che si concentravano nei luoghi storicamente più frequentati senza mascherina e senza rispettare le norme di distanziamento sociale, nonostante la Lombardia sia la regione con più del 50% dei contagiati di tutta Italia e con un numero drammatico di morti. Per evitare il ripetersi di tutto ciò, sono arrivati i primi provvedimenti. Il sindaco Beppe Sala nella giornata odierna ha infatti imposto il divieto di vendere bevande da asporto dopo le ore 19. “Abbiamo deciso di concentrarci sui luoghi della movida. Mi auguro che in futuro non ci sia bisogno di imporre ulteriori restrizioni. Non mi va di assumere un atteggiamento da sceriffo. Sarà possibile sedersi ai tavolini, ma i bar non potranno vednere roba da asporto, lo stesso vale per i  negozi. Vogliamo evitare che le persone comprino la birra e poi la consumino per strada creando assembramento.”

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE – Movida giovani, Boccia “minaccia” di non riaprire la mobilità fra Regioni

Movida Milano, Stoppani chiede più attenzione alla Polizia

primavalle spara
Una volante della polizia (Getty Images)

Il provvedimento del sindaco Sala sul vietare l’asporto dopo le 19 è stato accolto con favore anche da Lino Stoppani, presidente milanese di Epam. “Lo accettiamo, è equilibrato rispetto ai rischi. Speriamo passi al più presto questa emergenza. Inoltre ribadisco che ci vuole un presidio più attento da parte delle forze di polizia, e rinnovo anche l’appello alla responsabilità degli esercenti, anche se spesso sono impotenti e subiscono anche loro queste situazioni .”