Prof Zangrillo annuncia: “Il Coronavirus clinicamente non esiste più”
Prof Zangrillo annuncia: “Il Coronavirus clinicamente non esiste più”

Prof Zangrillo annuncia: “Il Coronavirus clinicamente non esiste più”

Rivelazione clamorosa del primario del San Raffaele di Milano Alberto Zangrillo: “Clinicamente il Coronavirus non esiste più”. E’ la fine della pandemia?

Una dichiarazione che fa molto rumore e potrebbe segnare una svolta storica nella lotta contro il Coronavirus. Secondo Alberto Zangrillo, primario dell’Istituto San Raffaeleil Coronavirus, a livello clinico, non esiste più Queste le sue dichiarazioni rilasciate ai microfoni di Lucia Annunziata nella trasmissione di Rai 3Mezz’ora in più: “Circa un mese fa sentivamo parlare di timore per fine maggio e per l’arrivo di una nuova ondata. Il virus, in realtà, clinicamente, non esiste più. E questo – spiega Zangrillo –  lo dice l’università Vita e Salute San Raffaele e diversi altri studi. I tamponi fatti negli ultimi giorni hanno una carica virale assolutamente infinitesimale rispetto a quelli fatti uno o due mesi fa. Metto la firma a quello che dico: il virus, clinicamente, non esiste più”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Dietrofront Grecia, viaggi concessi a quasi tutta l’Italia: quattro regioni fuori

Zangrillo: “Il Coronavirus può scomparire come Sars e Mers”

Prof Zangrillo
Il prof Alberto Zangrillo, direttore della terapia intensiva del San Raffaele di Milano © Getty Images

Zangrillo ha poi rincarato la dose parlando della possibilità che, esattamente come accaduto già con Sars e Mers, il virus possa scomparire a breve nel prossimo periodo: “Seconda ondata? Credo che, esattamente come avvenuto per Sars e Mers, sia auspicabile che il Coronavirus possa scomparire per sempre“. Parole molto dure, in forte controtendenza con quanto detto dai virologi nelle scorse ore. Il prof Zangrillo prende una posizione netta e chiara: la paura del Coronavirus è ormai alle spalle. Ma sarà davvero così?

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Riaperture 3 giugno, addio definitivo all’autocertificazione: occhio però, diverse cose non si possono ancora fare. Ecco l’elenco