Mara Venier, che combini? Lite social!
Mara Venier, che combini? Lite social!

Mara Venier, che combini? Lite social!

Mara Venier è tornata a camminare dopo essersi fratturata il piede. A rivelarlo proprio la presentatrice di Domenica In in un video su Instagram. Poi la lite nei commenti con una hater: “Copriti, non hai più niente da mostrare!”.

A maggio si era presentata in diretta negli studi di Domenica In con il piede sinistro fasciato. La presentatrice aveva dichiarato di avere avuto un brutto incidente domestico nel quale, oltre al piede, aveva anche battuto la testa. Dopo la caduta dalle scale e la convalescenza, Mara Venier è tornata più in forma e straripante che mai. La showgirl è infatti andata in escandescenza dopo un botta e risposta con una follower nei commenti del video Instagram dove mostrava la sua guarigione. Nell’atto di camminare verso la telecamera, esclamando “cammino!”, Mara Venier ha alzato il vestito per mostrare le gambe ormai guarite. Proprio per quel gesto, un’utente (tale Lucrezia) ha deciso di insultarla, scrivendo nei commenti: “Copriti, non hai più niente da mostrare!”, scatenando l’ira della Venier.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE > > > Melissa Satta, quel costume rosso fa impazzire i fan su Instagram

Mara Venier furiosa su Instagram: botta e risposta con una hater

Mara Venier (instagram)
Mara Venier (instagram)

“Copriti! Non hai più niente da far vedere”. Con questo commento una follower di Mara Venier su Instagram ha fatto andare in escandescenza la presentatrice. La replica della Venier, non si è fatta aspettare, che ha mandato, per usare un eufemismo, l’utente “a quel paese”. Lo scambio di provocazioni è continuato dunque per un paio di commenti. Mentre la showgirl si è detta “orgogliosa dei miei anni”, Lucrezia ha risposto: “Ti riveli per quello che sei, molto educata come sempre”. La faida si conclude dunque con la Venier che rimarca il concetto del commento precedente con un “doppio vaff******”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE > > > Elisabetta Gregoraci: è un’estate fantastica, ecco perché