Distribuivano film illegalmente, smantellato gruppo di pirateria informatica

Un’operazione della polizia americana contro la pirateria informatica ha portato all’arresto di tre persone a capo dello Sparks Group. Chiusi in tutto il mondo i server legati al gruppo internazionale.

Le autorità statunitensi hanno reso noto di aver compiuto una grossa operazione contro la pirateria informatica internazionale. Tre persone ritenute a capo del gruppo Sparks, un giro di pirateria con ramificazioni anche fuori dagli Stati Uniti, sono state arrestate. Le leggi di altri 18 paesi coinvolti nell’operazione hanno inoltre permesso di chiudere i server utilizzati dal gruppo in tutto il mondo.

Lo Sparks Group è accusato di violazione delle leggi sul copyright ed è ritenuto responsabile della diffusione illegale di film e altri contenuti fin dal 2011. Si calcola che la loro attività abbia procurato alle case di produzioni cinematografiche perdite per decine di milioni di euro. In pratica il gruppo riusciva a ottenere in modo fraudolento i flussi audio e video destinati alla distribuzione in DVD e Blu-Ray. Era poi in grado di riversare tutto sui canali di pirateria prima ancora della distribuzione stessa.

Secondo le autorità il gruppo è riuscito ad aggirare le protezioni del copyright di praticamente quasi tutti i più importanti film distribuiti negli ultimi dieci anni. Stessa cosa è avvenuta anche per programmi televisivi e altri contenuti protetti dal diritto d’autore.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Twitter, due giovani e un adolescente arrestati per l’attacco informatico

Smantellato lo Sparks Group, ripercussioni su tutta la catena

pirateria
(Getty Images)

Lo smantellamento del gruppo di pirateria informatica Sparks Group ha avuto ripercussioni più o meno immediate su molti dei canali di distribuzione illegale dei film. La chiusura dei server in tutto il mondo ha portato a malfunzionamenti e interruzioni dei servizi illegali forniti sui siti pirata. Il sito TorrentFreak riferisce che molti gestori e membri di quei siti sono scomparsi e non risultano più attivi.

Il gruppo Sparks non è stato l’unico a finire nel mirino della polizia impegnata in operazioni anti pirateria. Altri gruppi come Geckos, Splinters e Drones sono al centro di indagini in Europa, principalmente concentrate in Norvegia e Svezia, e anche in Svizzera e in Olanda.