Vittoria Schisano uomo: la tragica storia di quando era Giuseppe – FOTO

È una delle concorrenti di questa edizione di Ballando con le Stelle. Vittoria Schisano e la sua storia di quando era Giuseppe. Le operazioni per diventare donna e la sofferenza.

In questa edizione di Ballando con le Stelle è sicuramente una delle concorrenti che, performance danzerine a parte, ha destato la maggiore curiosità e interesse. Vittoria Schisano ogni settimana la vediamo protagonista negli studi Rai e, oltre ai suoi balli, molti sono stati colpiti dalla sua storia e vicenda personale. Ora la vediamo come una ragazza sicura di sé e consapevole, ma Vittoria Schisano in realtà è nata Giuseppe e appena 9 anni fa ha intrapreso un percorso per cambiare genere.

La sua storia viene riproposta quasi in ogni puntata. Ogni volta che può la Schisano fa riferimenti al suo passato: un modo che usa per esorcizzare il tabù e per spronare chi si è trovato nella sua stessa situazione a prendere consapevolezza della propria natura. Vittoria, infatti, vuole affermarsi come un modello che possa ispirare coraggio e determinazione in chi è come lei.

Vittoria Schisano, il racconto di quando era Giuseppe

Giuseppe Schisano

In una recente intervista la concorrente di Ballando con le Stelle ha raccontato la sua difficile infanzia, quando cioè era un bambino prima e un ragazzo dopo che però sentiva di dover manifestare la sua anima, essenza, femminile. Le cure ormonali prima, poi la consapevolezza di dover prendere in mano la situazione.

Nel 2011 è iniziato un percorso che ha portato Giuseppe a cambiare il proprio sesso attraverso varie operazioni chirurgiche. Nel corso degli anni il bisturi è intervenuto sul seno, gli zigomi, le labbra per poi operare il cambio di genere sottoponendosi a una vaginoplastica.

ballando con le stelle
Ballando Con Le Stelle (Twitter)

La donna, rivela, era affetta da una malattia: la disforia di genere. Nascere cioè in un corpo che non rappresenta la vera natura di una persona. Secondo gli studi in Italia almeno 5000 persone nascondono di avere questo disturbo e cercano di nascondere la loro vera “essenza”.