Ilaria Capua, l’idea ‘teatrale’ per i vaccini: “E va diviso per categorie”

Ilaria Capua si è esposta in maniera netta nelle ultime ore, spiegando quali possano essere le soluzioni da adottare per quanto riguarda il vaccino Covid. Di seguito le ultime novità 

Vaccino Covid (getty images)
Vaccino Covid (getty images)

La stretta morsa del Coronavirus continua ad attanagliare tutta l’Italia. La situazione è ancora molto grave e continua a spremere il personale sanitario, impegnato in una cruenta lotta impari all’interno degli ospedali. In molte città, le terapie intensive sono ormai al collasso e i contagi non sembrano dare tregua al Bel Paese. Il Governo si sta adoperando e insieme all’Iss mantiene alta la guardia, monitorando il più possibile territorio dopo territorio.

Questa situazione richiede il prima possibile l’arrivo del vaccino, allo studio da mesi e unica vera arma per tentare di arginare la pandemia. Sono diverse le sperimentazioni promettenti, in primis l’Oxford-Astra Zeneca, di cui l’Italia ha già prenotato diverse migliaia di dosi. I tempi ora sembrano stringersi e primi mesi del 2021 sembrano essere una data ragionevole per pensare di iniziare una campagna di vaccinazione a livello mondiale. Ilaria Capua si è espressa sul tema con idee sorprendenti, ai microfoni del ‘Corriere della Sera’.

LEGGI ANCHE >>> “Ora prudenza, ma ci siamo”: Ilaria Capua e la svolta sul Covid

Ilaria Capua e il vaccino Covid: due proposte per il prossimo futuro

Ilaria Capua
Ilaria Capua

La nota virologa ha espresso dapprima la portata di una vaccinazione di queste proporzioni: “Stiamo per intraprendere, e non solo in Italia, la piu’ grande e complicata campagna di vaccinazione mai affrontata dal genere umano“. La dottoressa spiega quanto sia importante strutturare un piano per categorie: “Dobbiamo immunizzare il prima possibile alcune categorie di persone. Sto parlando degli operatori sanitari o dei lavoratori essenziali, come anche le persone a rischio di sviluppare la forma grave“. Infine, una curiosa idea che potrebbe tornare molto utile: “Per la campagna di vaccinazione usiamo i cinema e i teatri che adesso sono chiusi”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Capua sbotta sul Covid-19 e la seconda ondata in Italia