Morto Maradona, scontri tra polizia e tifosi: feretro spostato – VIDEO

Morto Diego Armando Maradona: il suo decesso sta scuotendo tutto il mondo. La mobilitazione popolare è forte: scontri tra polizia e tifosi nelle ultime ore. Di seguito i dettagli

Morto Maradona (getty images)
Morto Maradona (getty images)

Il decesso di Maradona sta causando commozione, lacrime e mobilitazione sociale in tutto il mondo. Milioni gli sportivi in lutto per aver perso un assoluto eroe che ha saputo emozionare l’intero mondo del calcio e la gente. Sono ore frenetiche tra testimonianze di vip e ex compagni di squadra, ma soprattutto non poteva mancare un’autentica marea di persone, in prima linea per dare l’ultimo saluto al Pibe De Oro.

In Argentina, soprattutto, sono ore storiche. L’intero Paese ha voluto manifestare tutta la sua vicinanza al grande campione, un ultimo saluto doveroso per chi è riuscito a emozionare in maniera tanto forte milioni di persone. Una volontà ferrea che purtroppo è sfociata anche in scontri tra la polizia e i tifosi nelle ultime ore. Di seguito tutti gli aggiornamenti sulla vicenda.

LEGGI ANCHE >>> Di cosa è morto Maradona: comunicato l’esito dell’autopsia

Morto Maradona, le ultime dall’Argentina: scontri tra polizia e tifosi

Morto Maradona (getty images)
Maradona (getty images)

E’ un giorno di cordoglio e di immenso dolore in Argentina per l’ultimo saluto a Diego Armando Maradona, morto nella giornata di ieri a causa di un arresto cardiocircolatorio. Dopo la decisione della famiglia dello storico 10 di terminare l’orario di visita fino alle 16, la polizia è stata costretta a tagliare la lunghissima coda che si era creata all’altezza dell’Avenida 9 de Julio e l’Avenida de Mayo. Sono seguite forti polemiche e proteste, ma soprattutto scontri tra i tifosi presenti e la polizia alla Casa Rosada, il luogo scelto per la camera ardente. Dopo le proteste l’orario di veglia è stato prolungato fino alle 19. Gli scontri sembrano aver lasciato il segno, tanto che il feretro di Maradona viene spostato dalla Casa Rosada alla dove si era svolta la cerimonia privata con i familiari. Ciò per garantire maggiore sicurezza, in un momento decisamente teso.

CLICCA QUI per il video pubblicato da Repubblica.