Covid, Messa di Natale in pericolo: l’annuncio dell’Ue

Il Covid continua a destare preoccupazione in vista delle feste natalizie: ora anche la Messa del Natale potrebbe essere a rischio celebrazione, lo dice l’Ue.

Messa Covid
Vescovi e Cardinali in una Messa ai tempi del Covid (Fonte Facebook)

Niente è più certo con il Covid-19 in giro. Si avvicina il Natale, la festa più importante dell’anno, e le preoccupazioni continuano ad aumentare. Non solo in termini di negozi, shopping, spostamenti. Ma anche in termini religiosi. Al vaglio c’è la Messa del Natale stesso. Un evento a cui non mancano mai molti dei fedeli cattolici di tutta Europa.

Ma proprio la Commissione Europea sta pensando di vietare la celebrazione. O meglio: di spostarla online, cercando di far utilizzare tutte le piattaforme ormai conosciute, ad esempio come Zoom o Skype anche per i più anzianotti. Ovviamente è una decisione molta delicata, sulla quale si sta discutendo già in queste ore. Il testo ufficiale dovrebbe uscire domani, mercoledì 2 dicembre, e chiarire su quanto accadrà nella notte della nascita di Gesù.

La Messa di Natale in serio rischio: l’Ue attende nel pronunciarsi

Messa Covid
Messa ai tempi del Covid (Fonte Facebook)

Nei giorni precedenti, molti cattolici, tra cittadini e istituzioni, si erano indignati per le parole del ministro agli Affari Regionali, Francesco Boccia. Quest’ultimo si era detto favorevole a uno spostamento della Messa due ore prima del solito: e cioè alle 22.00, invece che alle consuete 24.00. Una proposta che a molti aveva fatto storcere il naso. Ora, però, altri ancora possono dire che potrebbe essere il “male minore”.

Durante la Messa del Natale, soprattutto quella di mezzanotte, gli assembramenti potrebbero essere davvero tanti e questo ha portato a ragionare la Commissione Europea su un possibile stop, totale e su scala europea. Certo, se si dovesse verificare un evento di questa portata sarebbe la prima volta nella storia dell’Europa per come noi la conosciamo. E non tutti sembrano aver accolto di buon occhio questa possibile variante per questo anno contrassegnato dal coronavirus. Mercoledì ci sarà da capire come si andrà a concludere questo 2020, un anno del quale ce ne ricorderemo la sua storia, nel bene o nel male.