Francesco Aquila, a Masterchef il “Salt Bae” italiano che conquista Barbieri

Tra i grandi protagonisti delle prime quattro puntate della nuova edizione di Masterchef Italia c’è sicuramente lui: Francesco Aquila. Professione maitre, è stato soprannominato per il suo stile il “Salt Bae” italiano.

bruno barbieri Masterchef assaggio
Screen video

Stile impeccabile, occhiale da sole, molta passione e altrettanta sicurezza. Uno dei protagonisti di questa primissima fase della decima edizione di Masterchef Italia è sicuramente lui: Francesco Aquila, 34enne romagnolo che si era presentato alle selezioni accompagnato dal padre e dalla madre. Aveva conquistato in un primo momento il grembiule grigio (avendo raccolto “solamente” due sì da parte dei giudici), poi è riuscito ad acciuffare il bianco con il suo nome cucito nella seconda parte delle selezioni.

C’è chi, vedendolo, lo ha soprannominato il “Salt Bae” italiano, ricordando il famoso imprenditore turco a capo di un vero e proprio impero della carne con i suoi ristoranti sparsi per il mondo. E proprio come lui anche il buon Francesco sala i suoi piatti con il gesto tipico di Nusret. A colpire il suo stile impeccabile (aveva sostenuto le selezioni con il completo e la cravatta), complice anche la sua professione di maitre che impone una certa eleganza.

Durante l’ultima puntata di Masterchef, ieri sera, Bruno Barbieri è stato conquistato dal suo stile e dal suo modo di fare. “Da oggi in poi ti chiameremo Aquila, anche perché un po’ la ricordi” ha detto lo chef bolognese. E, da quel momento in poi, lui non è stato più Francesco. Bensì, appunto, Aquila.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE–> Masterchef, i giudici sfottono il concorrente

Masterchef, l’Aquila che ha convinto i giudici

masterchef selezioni
Screen tv

Originario di Bellaria, in provincia di Rimini, Francesco Aquila era stato tra i personaggi più istrionici del debutto della nuova edizione di Masterchef Italia. Con i suoi cappelletti con formaggi, vongole e gel di vino bianco aveva ottenuto due sì, nel corso della terza puntata si è conquistato l’ingresso tra i 20 aspiranti chef finali nonché il suo nuovo soprannome, che altro non è che il suo cognome. “Aquila“, da ora in poi per volere dei giudici, e in particolar modo di Barbieri, dovremo abituarci a sentirlo chiamare così.

Il Salt Bae italiano, però, promette (almeno per ora) di diventare uno dei maggiori protagonisti di questa decima edizione di Masterchef. A patto che, come suggerito dagli stessi giudici, non esageri nel voler dimostrare qualcosa con i suoi piatti fin troppo “ricchi” di ingredienti.