Capodanno, centinaia di uccelli morti in strada: il video è virale

I botti di capodanno hanno causato la morte, a Roma, di centinaia di uccelli. Attorno a mezzanotte le strade della Capitale si sono riempite di storni fulminati dai cavi dell’elettricità. Cosa è successo.

storni roma morti
Screen video

Mezzanotte è passata solo da pochi minuti, e nonostante molta gente stia festeggiando dentro casa in tanti hanno esploso i tradizionali botti di capodanno. Al Circo Massimo addirittura avviene uno spettacolo pirotecnico, non si sa ancora se autorizzato o meno dal Comune, e per le strade di Roma si sentono le esplosioni dei classici petardi dell’ultimo dell’anno. Una tradizione, quella dei botti, che non è mancata nemmeno in questo capodanno di lockdown. E che, come avviene praticamente tutti i 31 dicembre, causa numerosi disagi, feriti e interventi di soccorso.

A Roma stavolta è successo qualcosa di praticamente inedito. Subito dopo lo scoccare della mezzanotte, a seguito dei primi petardi esplosi per salutare il nuovo anno, le strade della Capitale si sono riempite di cadaveri di storni, piccoli uccelli neri che “popolano” gli alberi della città. I video in poco tempo sono diventati virali sul web, condivisi da centinaia di persone sui social, e lo sdegno di molti è salito di fronte alle immagini.

Ma cosa ha causato questa moria?

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE–> Come è stato il capodanno a Wuhan

Centinaia di uccelli morti a Roma: cosa è successo – VIDEO

Sembrano che siano stati proprio i botti di capodanno a causare la morte di centinaia di storni. Gli uccelli, spaventati dai petardi di mezzanotte, avrebbero lasciato gli alberi per finire contro i cavi dell’elettricità del centro storico di Roma. Folgorati, i cadaveri degli uccellini sono caduti a terra, riempiendo in poco tempo le carreggiate della Capitale.

I video e le immagini, diramate poco dopo la mezzanotte da Welcome to Favelas, in breve tempo hanno fatto il giro del web con molti commenti di sdegno da parte di tanti utenti. I cadaveri sono stati poi rimossosi dal servizio di pulizia urbana alle prime ore di oggi.