Vaccino Covid, Vittorio Sgarbi accusa Mattarella: il tweet genera il caos

Torna a parlare dei vaccini anti Covid Vittorio Sgarbi, con un duro tweet contro il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella

vaccino Covid Sgarbi Mattarella tweet
Sergio Mattarella @GettyImages

Parte anche in Italia, come in Europa, la campagna per la vaccinazione contro il Covid. Non tutti però continuano ad essere favorevoli al vaccino e ci sono ancora negazionisti del virus. Uno dei principali sostenitori del negazionismo è Vittorio Sgarbi, Sindaco di Sutri, che in un tweet sul proprio account ufficiale torna ad attaccare il Governo ed in particolare il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Infatti sul social scrive che dopo tre giorni di vaccinazione siamo solo a a 67.341 su 479.700 dosi disponibili, sottolineando secondo lui il fallimento del Governo. Arriva poi l’attacco al capo dello Stato, che dovrebbe secondo lui agevolare la nascita di un nuovo Governo. Dunque un nuovo tweet al vetriolo che vedremo quali effetti avrà.

Vittorio Sgarbi attacca ancora Mattarella con un tweet: ieri il video messaggio contro il Presidente

Non termina la guerra di Vittorio Sgarbi contro il Governo e contro le restrizioni anti-Covid. Infatti il Sindaco di Sutri oggi ha tweettato un messaggio contro il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, dove sottolinea il ritardo nelle vaccinazioni e invita a far nascere un nuovo Governo. Ieri invece il deputato aveva postato un nuovo video sul canale YouTube dove chiedeva ai cittadini italiani di “non ascoltare Mattarella e di ribellarsi”. Per più volte nel video afferma di non dover ascoltare il Presidente della Repubblica, oltre a ritenere inutili le misure restrittive come chiudere un ristorante o chiuderemusei. Infatti nel video messaggio descrive le scelte come “irrazionali, prese da un gruppo di idioti”. Attacco poi anche al Movimento Cinque Stelle, che secondo lui loderebbe i medici in pubblico per lodare in realtà il Governo. Dunque un nuovo capitolo dell’attacco di Sgarbi al Governo per cominciare l’anno.