Scontri Usa, tra i manifestanti c’è un olimpionico: di chi si tratta?

Gli scontri di Capitol Hill che hanno sconvolto gli USA ed il mondo vedono tra i manifestanti anche un campione olimpionico: ecco chi è

Scontri USA Manifestanti Olimpico
Klete Keller @GettyImages

Il mondo intero è rimasto senza parola per quanto successo a Capitol Hill la scorsa settimana. Infatti alcuni manifestanti, sostenitori di Donald Trump, hanno assaltato il congresso con violenza, portando alla morte di alcuni agenti di Polizia e diversi feriti. Le immagini degli scontri hanno fatto il giro del mondo e del web, grazie alle quali si è riusciti a risalire alle identità di alcuni di loro. Secondo i media americani però, tra questi ci sarebbe anche un personaggio inaspettato, un campione olimpico, Klete Keller. Infatti il nuotatore statunitense si riconosce grazie alle immagini che fanno il giro del web, dove appare con la tuta della nazionale americana indosso. A condannare quanto successo è anche il presidente del comitato olimpico, Sarah Hirshland.

Scontri USA, tra i manifestanti anche Keller: arriva il commento del presidente Sarah Hirshland

Scontri USA Manifestanti Olimpico
Klete Keller @GettyImages

I sostenitori di Donald Trump non si arrendono alla sconfitta dell’ormai uscente presidente degli Stati Uniti ed all’elezione di Joe Biden, pronto all’insediamento nella Casa Bianca. La dimostrazione più grande sono stati proprio gli scontri a Capitol Hill, dove i media americani riconoscono tramite le immagini anche il campione Klete Keller tra i manifestanti. Infatti il campione di nuoto a livello olimpionico viene immortalato con indosso la tuta della nazionale statunitense durante i fatti. Un gesto che certamente non piace alla nazionale di nuoto, con il presidente del comitato olimpico USA, Sarah Hirshland che dichiara: “Voglio condannare i disordini del campidoglio per prima cosa. Inoltre, sia in casa che all’estero, gli atleti del Team USA devono mantenere elevati degli standard poiché rappresentanti del paese. I fatti di Washington sono ben al di sotto di questi standard”.