Zona gialla, rossa, arancione e… bianca: cosa si può fare dal 16 gennaio

Pronto ad entrare in vigore il nuovo Dpcm da domani 16 gennaio: cosa si potrà fare in zona gialla, rossa arancione e bianca

(Getty Images)

L’Italia è pronta ad accogliere un nuovo Dpcm studiato dal Consiglio dei Ministri e che verrà ufficializzato ed emanato dal Presidente, Giuseppe Conte. Il paese resta diviso in diverse zone di rischio che vanno da quella rossa a quella gialla, fino alla nuova zona bianca. Infatti nel nuovo decreto sarà presente una zona dove le restrizioni saranno diminuite, fino quasi ad essere nulle. Per entrare in zona bianca però una Regione dovrà avere un basso indice di contagio e bassa incidenza dei contagi, solo così si potrà arrivare ad una abolizione quasi totale delle misure restrittive. Cambiano anche i provvedimenti nelle zone gialle, arancioni e rosse, con maggiori restrizioni per le ultime ultime, soprattutto per quanto riguarda bar e ristoranti.

Nuovo Dpcm, cosa fare dal 16 gennaio: le novità per le zone gialle, arancioni, rosse e la nuova bianca

Si attende la conferenza stampa del Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, che ufficializzerà la partenza delle nuove restrizioni previste nel Dpcm in vigore da domani 16 gennaio. Come esplicato da ‘Repubblica’, gli spostamenti tra regioni continuano ad essere bloccati, se non per motivi di salute, lavoro o necessità. Nelle zone arancioni e rosse sarà invece vietato anche lo spostamento tra comuni. Per quanto riguarda le attività commerciali, i negozi resteranno aperti, mentre i centri commerciali saranno chiusi nel weekend. Bar e ristoranti ricevono la restrizione più grande, con la chiusura alle 18 anche dell’asporto in zona gialla, mentre in zona arancione e rossa dovranno rimanere chiusi tutto il giorno. Per quanto riguarda le scuole ci sarà una riapertura dal 18 gennaio dal 50 al 75% degli studenti nelle zone gialle ed arancioni, mentre in zona rossa no. Per quanto riguarda lo sport invece, si dovrà ancora attendere per la riapertura degli sport di contatto. Infine la grande novità inoltre è l’istituzione di una zona bianca, nella quale le restrizioni verranno quasi abolite.