Sanremo 2021: pubblico in bolla nella nave. Improvvisa ‘bocciatura’

Da settimane ormai si parla dell’ipotesi “nave bolla” per contenere il pubblico di Sanremo fino a una settimana prima dell’inizio del Festival. Ora arriva l’improvvisa bocciatura.

Logo Sanremo 2021
Logo Sanremo 2021 (fonte: Getty Images)

Sembrava potesse essere la soluzione migliore per poter garantire la presenza di pubblico al prossimo Sanremo, l’idea della “nave bolla” in cui accogliere le persone fino a sette giorni prima dell’inizio della kermesse però non pare riesca a convincere tutti. Dalla fine dello scorso anno si parla di questa crociera “bolla“, una nave dove circa 400 persone potrebbero essere sistemate in vista del 2 marzo, data d’esordio di Sanremo 2021. Per tutte le serate quindi il pubblico non cambierebbe, con i “prescelti” che si farebbero tutte le puntate per poi essere riportati nella nave a soggiornare.

Un’idea molto simile, per concetto, alla bolla che ha accolto i giocatori dell’NBA in occasione delle ultime Finals ma che, evidentemente, non trova parere favorevole di qualche esperto. Amadeus in più di un’occasione ha sottolineato come sia impensabile un Sanremo senza pubblico, oggi il prof. Ricciardi ha sostenuto come questa ipotesi sia decisamente rischiosa. “Se c’è qualche sgarro alla sicurezza diviene un’arma a doppio taglio” ha detto il virologo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE–> Sanremo 2021, Amadeus: “L’unica soluzione”

Pubblico Sanremo 2021 nella bolla: “Serve massimo rigore”

Ricciardi ha sostenuto come serva massimo rigore per attuare questa eventuale soluzione. Ai microfoni di Radio Rai, intervenuto a Un Giorno da Pecora, il consigliere del Ministro Speranza ha spiegato quali sono le criticità: “I protocolli su mascherine, igiene e distanziamento dovrebbero esser ancora più assidui” ha dichiarato, sostenendo come i tamponi rapidi debbano essere eseguiti tutti i giorni. Controlli assidui quindi e massima severità nell’attuazione di tutte le norme necessarie sono le armi per non permettere al Covid di “entrare” nella bolla.

Walter Ricciardi
Walter Ricciardi – Screen video

Se per qualche motivo ci dovesse essere qualche contagio la nave potrebbe “… diventare anche il luogo ideale per la diffusione” ha spiegato Ricciardi nel suo intervento radiofonico. Nave sì, quindi, ma solo se tutto viene organizzato ed eseguito nel massimo rigore.