Si sottopongono al vaccino Covid ma è ben altro: mistero in ospedale

Alcuni pazienti sono stati sottoposti al vaccino Covid, per poi scoprire che invece avevano ricevuto ben altra sostanza. All’ospedale esplode il caso ma i vertici si difendono: “Fake news”.

No vax uccide il figlio e si suicida
Vaccino anti-Covid (fonte: Pixabay)

In Italia prosegue spedita, benché con qualche rallentamento dovuto a un calo delle forniture da parte della Pfizer, la campagna di vaccinazione della popolazione. A fine 2020 è iniziata la somministrazione del farmaco anti Coronavirus e in poco più di due settimane si è superato il milione di dosi. Proprio in questi giorni partirà la seconda somministrazione, quella del richiamo, per i primi pazienti che hanno ricevuto la cura per primi. Sul sito del ministero della Salute si può seguire in tempo reale il conto delle persone che si sono sottoposte al vaccino: un numero in continuo aggiornamento che pone l’Italia tra i primi posti a livello europeo.

Un episodio non chiaro, e attualmente al vaglio delle autorità sanitarie locali, è però avvenuto in Trentino.

Un vero e proprio caso è esploso all’ospedale di Rovereto, dove alcuni medici e infermieri locali dovevano ricevere (ufficialmente) il vaccino della Pfizer, salvo poi ritrovarsi con la somministrazione di una banale soluzione fisiologica. Niente vaccino insomma, solo acqua e sale iniettata in alcuni operatori sanitari che, come da protocollo, si erano sottoposti al farmaco anti Covid.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE–> Cruciani: “Multa? Chi se ne frega”

Fisiologica al posto del vaccino Covid, ma c’è anche la smentita: “Fake news”

Un vero e proprio caos ora all’interno della struttura ospedaliera. Non si sa con precisione chi ha ricevuto effettivamente il vaccino anti Covid e chi invece la soluzione di acqua e sale. Per questo non è ben chiaro a chi dover fare il richiamo e chi invece necessita, ancora, della prima somministrazione. L’inconveniente è capitato, secondo le prime ricostruzioni, a 5 o 6 persone ma la loro identità non è chiara. Sarà necessario effettuare un test sierologico alle centinaia di pazienti che, quello stesso giorni, si sono sottoposte al vaccino.

Dall’azienda ospedaliera stessa però smentiscono questa ipotesi: “È una fake news“. Dall’ospedale però, stando alle ricostruzioni della stampa locale, non sarebbero arrivate ulteriori risposte.