Pizzeria “negazionista” si oppone alle autorità: “Distruggete tutto”- VIDEO

Arrivano i controlli in un locali che stava servendo circa cinquanta persone. La pizzeria negazionista si scontra duramente con le forze dell’ordine.

pizzeria nagazionista
Carabinieri (Fonte GettyImages)

La pandemia globale da Coronavirus, scoppiata ormai un anno fa, ha completamente messo al tappeto non solo il nostro paese, ma il mondo intero. Le piccole attività e imprese fanno fatica a ripartire soprattutto a causa delle continue restrizioni e dei cambiamenti repentini introdotti dal Governo. La pressione che preme sui commercianti è molto onerosa e proprio un di questi ha avuto un duro scontro con le autorità.

A Modena, una pizzeria negazionista è stata oggetto di controlli da parte delle forze dell’ordine. All’interno del locale c’erano circa cinquanta persone e non venivano rispettate tutte le norme di sicurezza previste per prevenire il contagio da Covid-19. Il diverbio tra il proprietario del locale e le autorità è finito sul web diventando virale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>> Covid-19, il bollettino del Ministero Della Salute del 31 Gennaio 2021

Duro scontro tra un commerciante e le autorità: “Questa è violenza”

pizzeria negazionista
Pizzeria (Fonte screen-shot)

Intorno alle 21:00 circa, le forze dell’ordine sono giunte all’interno di una pizzeria di Modena, la Pizzeria Margherita. Il locale ospitava circa 50 persone che erano sedute a tavola a godersi la cena. L’acceso dibattito tra le autorità e il proprietario del locale è finito in rete diventando virale. Si trattava di un semplice controllo amministrativo, ma si è trasformato ben presto in un duro scontro.

Il commerciante appare visibilmente fuori di sé e accusa il Governo di averlo messo in ginocchio. Sostiene che il dpcm sia un atto di un singolo uomo che si arroga il diritto di decidere cosa deve fare un intero paese. La frese che crea maggiormente scalpore è quella pronunciata successivamente. Infatti, un dipendete o un socio, non ci è dato sapere, sostiene che tutto quello che stanno facendo i politici non solo sta distruggendo le piccole attività, ma lo sta facendo anche in nome di una pandemia che non esiste.