Sanremo 2021, annuncio ufficiale in arrivo: parla il CTS

A meno di un mese dall’inizio del Festival di Sanremo non si placa il caos attorno all’organizzazione della kermesse canora. Dopo la questione pubblico c’è attesa per l’annuncio del CTS.

Amadeus (getty images)
Il direttore artistico Amadeus (getty images)

Verrà ricordata sicuramente come l’edizione più controversa della storia. Sanremo 2021 sembra ancora un cantiere semi aperto: a meno di un mese dalla data d’esordio sono ancora molte le questioni in ballo, con la morsa del Covid che tiene sotto scacco l’Ariston e tutto ciò che ruota attorno al teatro. Come poter svolgere il tutto in massima sicurezza? Come e quando tamponare i protagonisti? Pubblico sì o no? Queste solo alcune questioni che stanno tenendo banco, ma a breve è previsto un annuncio ufficiale da parte del Comunicato Tecnico Scientifico. Che metterà parola fine alla faccenda.

Sembra infatti che il CTS esprimerà parere favorevole verso la conferma della kermesse canora: Sanremo 2021 quindi si farà, seppur nel pieno rispetto delle stringenti norme anti Covid, tra le quali anche la necessaria assenza di pubblico. Ipotesi mal digerita da Amadeus, che ha sempre espresso parere favorevole su questo nodo. Tra domani e dopodomani però il CTS darà il via libera alla kermesse canora.

CTS: “Sanremo si fa”. Le misure anti Covid

Teatro Ariston privo di pubblico, zone rosse in tutta la città, controlli massimi e tutti coloro che sono coinvolti nel Festival tamponati ogni 72 ore. Sarebbe questa la “base” sulla quale il CTS avrebbe costituito il suo assenso allo svolgimento di Sanremo. Un evento che si farà, seppur con parecchie restrizioni e limitazioni. La più lampante e evidente la mancata presenza del pubblico in sala, tema sul quale invece il direttore artistico si è battuto fino alla fine.

Negli ultimi giorni si era parlato di Festival rimandato (tra primavera ed estate) o addirittura annullato, il protocollo di sicurezza inviato dalla Rai al CTS però pare aver convinto le autorità mediche. Festival sì, ma in piena e totale sicurezza. Gli stessi cantanti dovranno presentarsi con un tampone negativo e saranno controllati ogni 72 ore per tutta la durata dell’evento.

Zona rossa intorno al teatro, con accesso vietato a tutti coloro che non fanno parte della squadra organizzativa del Festival.