Bill Gates vuole “chiudere” il buco dell’ozono: “Il mio progetto ecologista”

Bill Gates esce con un nuovo libro nel quale si parla, principalmente, di cambiamenti climatici: un progetto ecologista ambizioso, dove tutto può cambiare.

Bill Gates Progetto Ecologista Libro
L’inventore di Microsoft, Bill Gates (Getty Images)

Se è vero che il mondo è popolato da persone ricchissime, è altrettanto vero che queste persone non sono equivalgono ad essere, tutti, dei mostri. Alcuni e alcune di coloro che possiedono un enorme capitale in “banca” sono uomini e donne che hanno un pensiero personale. Un pensiero che mira a nuovi orizzonti.

Uno di questi è sicuramente Bill Gates. L’inventore di Microsoft, a oggi grande filantropo internazionale, da tempo si occupa anche di ecologia. Ha cercato, nei suoi vari talk in giro per il mondo, di avvertire anche su una possibile pandemia. Oggi, invece, dice che non c’è più tempo e bisogna investire su altro se si vuole salvare il mondo.

Usa proprio queste due parole: salvare e mondo. Un verbo e un nome. Il verbo è uno dei più ambiti a livello umano, dalla notte dei tempi. Il nome equivale al posto dove tutti noi abitiamo. Lo fa attraverso un libro, dal titolo Come evitare un disastro climatico: le soluzioni che abbiamo e le scoperte di cui abbiamo bisogno, il quale esce oggi, 16 febbraio 2021.

A un anno dalla pandemia arriva il progetto ecologista di Bill Gates

Bill Gates Progetto Ecologista Libro
Bill Gates durante un convegno (Getty Images)

Sul libro, spiega in un’intervista rilasciata a Forbes, ci sono una serie di soluzioni per evitare che, entro il 2050 (quindi nel brevissimo periodo), il mondo finisca dentro un’ecatombe di quelle infernali. Dalla quale non potersi più riprendere.

Il punto principale, senza anticipare nulla dell’interessante scritto, è la “chiusura” del buco dell’ozono. Detto in termini più tecnici l’obiettivo a cui dobbiamo arrivare è quello di zero emissioni di gas entro il 2050.

Per ora ci sono due numeri: 51 miliardi e 0 miliardi. Il primo numero corrisponde alla quantità di gas terra che viene emesso tutti gli anni nella Terra, il secondo numero, e cioè lo 0, è ciò a cui dobbiamo ambire.

Bill Gates afferma che usa il suo patrimonio per studiare, sempre di più. E per apportare un drastico cambiamento a un modo che sta quasi esplodendo. Non escludendo che dopo il coronavirus ci potranno essere altre catastrofi in arrivo, prima della tanto “amata e sperata” salvezza. Semmai questa arriverà.