Compleanno Michael Jordan, il regalo però lo fa lui: 10 milioni

Oggi il più grande giocatore di basket di tutti i tempi compie gli anni. Compleanno numero 58 per Michael Jordan, che però decide di fare il regalo ai meno fortunati.

jordan
Michael Jordan ai tempi dei Bulls – Getty Images

His Highness compie gli anni. Oggi il mondo del basket, e dello sport in generale, festeggia il compleanno di Michael Jordan. Il più grande giocatore di pallacanestro che abbia mai calcato un parquet spegne 58 candeline ma il regalo lo fa lui ai meno fortunati. Come aveva promesso alla vigilia dell’uscita di The Last Dance, la docu-serie sui Chicago Bulls trasmessa su Netflix, Jordan ha donato gran parte dei proventi di quella produzione per realizzare opere di generosità.

Di recente infatti l’ex campione NBA ha deciso di devolvere ben 10 milioni di dollari per la costruzione di due ospedali in North Carolina. In un momento in cui il sistema sanitario è fortemente provato dall’emergenza Covid, il bel gesto di Jordan destinato proprio al settore tra i più sotto pressione da quasi un anno a questa parte. Le due cliniche dovrebbero aprire nel 2022 a Wilmington, città natale dell’ex campione NBA.

Tutti dovrebbero avere accesso – spiega Jordan– a servizi sanitari di qualità a prescindere da dove vivono e dall’assicurazione sanitaria.”

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE–> Space Jam 2, LeBron “erede” di Jordan. Le prime immagini 

Compleanno Michael Jordan, quell’aneddoto di Pozzecco

Gianmarco Pozzecco qualche tempo fa ha ricordato un suo incontro ravvicinato con Michael Jordan. L’ex giocatore italiano ha spiegato come, una volta, si sia ritrovato nella stessa palestra del numero 23 dei Bulls, mentre si allenava a una serie di tiri liberi con Jamal Crawford. Pozzecco ricorda che dopo due serie in cui erano stati messo in palio dei soldi, con una vittoria testa, Jordan decise di alzare la posta in palio mettendo in gioco le rispettive macchine.

La Mercedes di Crawford e la Ferrari di Jordan il bottino della scommessa, con Jordan che (come ricorda Pozzecco) non sbagliò nemmeno un tiro. His Highness se ne andò con la Mercedes del rivale, dopo aver staccato la targa con un cacciavite e averla tirata addosso al suo compagno di sfide.