La principessa lancia un appello disperato: “Mio padre mi tiene in ostaggio”

La principessa Latifa Al Maktoum, figlia dell’Emiro di Dubai, ha accusato il padre di tenerla in ostaggio. Il video ha fatto il giro del mondo.

principessa ostaggio
Mohammed bin Rashid Al Maktoum, Reggente di Dubi (Fonte GettyImages)

Una tragica notizia arriva direttamente dagli Emirati Arabi. La principessa Latifa ha diffuso un videomessaggio in cui dichiara pubblicamente di essere in ostaggio. La parte ancora più sconvolgente però riguarda l’identità di colui che la tiene  segregata. Infatti, la ragazza confessa che è proprio il padre, Mohammed bin Rashid Al Maktoum, Reggente di Dubi, a tenerla chiusa in una villa.

Il video ha ormai fatto il giro del mondo ed è stato diffuso da Panorama della Bbc.  Durante il suo appello, la principessa ha anche dichiarato di temere per la sua vita. Il padre è uno dei capi di Stato più ricchi al mondo ed è anche il Vice Presidente degli Emirati Arabi Uniti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>> Incidente fatale per una 26enne: va fuori strada e finisce in tragedia

La confessione sconvolgente della principessa in ostaggio

In questo lungo video, la principessa Latifa lancia un disperato appello chiedendo di essere liberata dalle grinfie del padre che la tiene in ostaggio in una villa. La 35enne ha confessato di essere sotto costante osservazione di circa cinque agenti della polizia che sono appostati fuori la sua dimora, mentre due sono all’interno. “Mi trovo in una villa e questa casa è stata trasformata in una prigione, tutte le finestre sono sbarrate, non le posso aprire” ha dichiarato la figlia di Mohammed bin Rashid Al Maktoum.

La ragazza ha provato in più occasione a scappare dalla sua prigione. Nel 2011 riuscì a mettersi in contatto con ‘imprenditore francese Herve Jaubert e insieme al signor Jauhiainen, il suo istruttore di capoeira, iniziò la pianificazione della fuga. Nel 2018 mise in atto il suo piano.  Arrivò in acque internazionali, con l’aiuto di Jauhiainen, dove c’era Jaubert ad attenderla su uno yatch. Otto giorni dopo, però, arrivò un commando e fece irruzione sulla barca riportando al ragazza a Dubai. Da allora non si hanno più avuto sue notizie.