Rocco Casalino, l’assurda confessione su Berlusconi: “Per 2 milioni lo farei”

Rocco Casalino, smessi i panni di portavoce dell’ex premier Giuseppe Conte, sta concedendo tantissime interviste. Nell’ultima ha fatto una confessione su Silvio Berlusconi.

Rocco Casalino confessione su Berlusconi
L’ex portavoce di Palazzo Chigi, Rocco Casalino (fonte: Getty Images)

Da quando Rocco Casalino non è più portavoce di Palazzo Chigi, sta concedendo un’intervista dietro l’altra. Le occasioni sono ghiotte anche per poter presentare il suo libro autobiografico dal titolo “Il portavoce“, in cui racconta la sua carriera dagli esordi nella casa del Grande Fratello alla laurea in ingegneria. Nel frattempo l’iscrizione al Movimento 5 Stelle e la passione del giornalismo che poi è diventata la sua professione fino a ricoprire il ruolo di ufficio stampa a Palazzo Chigi e quello di portavoce di Giuseppe Conte.

La figura di Casalino, fin dal giorno del suo ingresso in piazza Colonna, ha diviso i più. Fin da subito è apparso come un personaggio piuttosto ingombrante, molto più che un semplice ufficio stampa, tanto che Matteo Renzi prima di arrivare ad aprire la crisi ne aveva chiesto la testa a Conte come uno dei compromessi per poter andare avanti con l’esperienza del Conte 2.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Rocco Casalino ospite da Barbara D’Urso si racconta: Il Gf? Che rabbia

La confessione di Rocco Casalino sui politici italiani di maggiore spicco

Domani sera a Striscia la Notizia andrà in onda un’intervista di Casalino rilasciata all’inviato Pinuccio. Quest’ultimo gli ha fatto una domanda scomoda: “Faresti il portavoce di Berlusconi?” e il giornalista ha risposto di no. Poi però ha ammesso che per un compenso di due milioni di euro lo farebbe perché l’immagine del leader di Forza Italia, a suo dire, non è ancora così compromessa nell’immaginario degli italiani.

Al contrario, non lo farebbe mai per Matteo Renzi, verso il quale ha espresso parole durissime: “Dopo quello che ha fatto dovrebbe sparire per sempre”. Parole al vetriolo ha espresso anche nei confronti di Maria Elena Boschi, braccio destro di Renzi e deputata di Italia Viva, accusandola di essere responsabile anche lei dell’apertura della crisi.