Vittorio Brumotti aggredito con la sua troupe: scatta la denuncia e non solo

Ancora un’aggressione per Vittorio Brumotti e la sua troupe. La disavventura nel bel mezzo delle riprese: denunce per l’aggressore

Brumotti, Parco Sempione
Il biker e inviato di Striscia Brumotti (Mediaset Play)

Nel corso della sua carriera da inviato per Striscia La Notizia, Vittorio Brumotti ha subito moltissime aggressioni. Tra insulti – la minima spesa – e aggressioni fisiche, spesso anche pericolose, il biker più famoso della tv ha spesso messo a repentaglio la propria incolumità. Insieme alla sua inseparabile troupe, l’impavido giornalista si è lanciato in moltissime zone di spaccio d’Italia, per provare a segnalare gli spacciatori e restituire alla gente i luoghi ormai completamente degradati.

Questa volta l’aggressione è avvenuta a Firenze, al Parco Delle Cascine. Noto punto di incontro di molti spacciatori, che vedendo le telecamere e Brumotti, come spesso accade si sono fiondati all’inseguimento, nel tentativo di cacciarlo. Gli spacciatori hanno minacciato gli uomini di Striscia con un lancio di pietre: un arresto e una denuncia

Vittorio Brumotti aggredito a Firenze: un arresto

Vittorio Brumotti, libro
Il giornalista e biker Vittorio Brumotti (Instagram)

E’ successo nel pomeriggio di ieri, 2 marzo. Dopo la colluttazione, le forze dell’ordine locali si sono recate sul posto, per tentare di ristabilire l’ordine. Mentre la polizia cercava di allontanare gli spacciatori dalla troupe, un uomo si è fiondato sugli agenti, ferendoli lievemente mentre continuava a tirare delle pietre al giornalista inviato.

I poliziotti hanno dunque arrestato uno di loro, le accuse sono di resistenza a pubblico ufficiale, lesioni a pubblico ufficiale e danneggiamento di una volante della Polizia. Gli agenti hanno inoltre denunciato un secondo individuo per aver minacciato di ferire con delle pietre Brumotti. L’inviato di Striscia ha poi concluso con una riflessione il servizio, ancora non andato in onda, in cui afferma di voler con i suoi servizi liberare le piazze dagli spacciatori per ridarli alla brava gente del luogo.