Covid-19, il bollettino del Ministero Della Salute del 9 marzo 2021

I dati dell’epidemia da Covid-19 aggiornati al 9 Marzo 2021 sono stati resi noti dal Ministero della Salute tramite il quotidiano bollettino. 

bollettino covid 9 marzo 2021
Bollettino Covid-19 (fonte: Ministero della Salute)

Il Ministero della Salute ha pubblicato i dati di oggi 9 marzo 2021, relativi ai contagi Covid-19 tramite il consueto bollettino. I nuovi contagi nel nostro Paese sono pari a 19.749, con un incremento di unità notevole rispetto a ieri in cui erano 13.902. I tamponi effettuati però sono aumentati: si passa dai 184.684 di ieri ai 345.336 di oggi. Tali dati si riferiscono sia ai tamponi molecolari che ai test antigenici.

In calo la percentuale dei soggetti attualmente positivi rapportati al numero dei tamponi effettuati: si passa dal 7,5% di ieri al 5,7% di oggi. Le vittime salgono da 318 di ieri a 376 di oggi. I ricoveri in terapia intensiva ammontano a 2.756, con un aumento di 56 unità. I ricoverati negli altri reparti sono 22.393 persone,  562 unità in più.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>> Covid, corsa ai vaccini: ma che fine fanno quelli avanzati?

La minaccia delle varianti Covid-19 e le mosse del governo

professionisti del settore sanitario
professionisti del settore sanitario impegnati nell’emergenza Covid (getty images)

La minaccia delle mutazioni del virus si fa sempre più insistente. L’alto tasso di contagiosità della variante inglese, sudafricana e brasiliana obbliga il nuovo governo Draghi a interfacciarsi con questo rischio, pensando a nuove strette.

É  un’ipotesi il coprifuoco anticipato: il divieto di circolazione per le strade dovrebbe partire dalle 19 e non più dalle 22 in poi. Si pensa addirittura ad una stretta in concomitanza delle festività pasquali. La festa più importante per i cattolici probabilmente dovrà essere celebrata in modalità “soft”, proprio come è accaduto a Natale passato. Si ragione anche di un eventuale lockdown per i fine settimana, in modo tale da limitare la movida e gli assembramenti che nei weekend sono più difficili da gestire e controllare.