Pizza Pusha fa impazzire New York: la margherita diventa ‘stupefacente’

A New York un imprenditore ha escogitato un modo decisamente originale per “vendere” la marijuana. Non la fa fumare ai suoi clienti, ma ci condisce la pizza che vende in città.

marijuana catania
Foglia di marijuana (Getty Images)

Nel corso degli ultimi anni c’è stata una progressiva apertura, anche nei paesi più conservatori, verso la marijuana. Basti pensare all’Italia, dove da qualche tempo è venduta (con THC nei limiti del consentito) in appositi esercizi commerciali; ma anche il suo ingresso nel mondo culinario e gastronomico è stato decisamente importate.

Esistono farine alla canapa, esistono dolci alla marijuana, con l’erba che è potenzialmente è entrata in gran parte delle preparazioni culinarie. Muffin, panettoni, paste, dolci di vario tipo e quant’altro. Da tempo con l’estratto alla marijuana ci si producono anche degli olii da poter utilizzare in cucina, e proprio sull’olio all’erba un imprenditore newyorkese sta costruendo la sua fortuna. Lui si chiama Chris Barrett, è un classe 1973 ed è conosciuto principalmente con il nome di Pizza Pusha, Il suo successo? Quello di vendere pizze alla marijuana. O meglio, condite con olio agli estratti di canapa.

Barrett è riuscito a sfruttare a suo vantaggio una legge del sindaco di New York, Cuomo, che permette l’utilizzo di marijuana in piccole dosi a scopo ricreativo. E Pizza Pusha ha unito così le sue grandi passioni: la pizza e l’erba, appunto.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE–> Marijuana legale, legge approvata

Pizza Pusha, il “pusher” delle star

Barrett ha deciso di commercializzare a New York una pizza che viene condita nientemeno che con olio d’oliva infuso al THC. E il successo non è tardato ad arrivare: in pochi anni anche numerose star della Grande Mela sono diventate clienti fissi di Pizza Pusha, che oggi conta centinaia di estimatori e acquirenti giornalieri sparsi tra New York, New Jersey e Connecticut.

pizza margherita Paolo Ciavarro
Pizza – foto di repertorio Pixabay

In tempo di Covid, poi, i clienti sembrano essere aumentati ancora di più. Giovani e meno giovani, che in lockdown amano “sballarsi” a loro modo, mangiando pizza aromatizzata alla canapa. E gli affari per il buon Chris continuano a volare.