Come sta Tiger Woods: annuncio importante da Los Angeles

A un mese dall’incidente che lo ha visto nuovamente rischiare la vita in auto, importante aggiornamento sulle condizioni di Tiger Woods. Il campione di golf torna a parlare pubblicamente.

incidente tiger woods auto
L’auto distrutta di Woods – Getty Images

Un mese fa un altro terribile incidente che lo ha visto protagonista. Dopo lo schianto avvenuto nel 2009, quando andò a sbattere violentemente contro un albero, Tiger Woods è stato nuovamente coinvolto in un scontro alla guida del suo Suv. Il fatto è accaduto circa un mese fa, quando lo sportivo ha rischiano ancora la vita dopo aver sbandato per eccesso di velocità.

Secondo le prime ricostruzioni Woods era alla guida della sua auto, procedeva a ritmo eccessivamente sostenuto e dopo una sbandata, e un scontro contro il guardrail, si è ribaltato più volte con il Suv che stava conducendo. Un impatto violentissimo, che ha costretto i soccorritori ad estrarlo dal parabrezza dopo aver segato l’auto del campione. “Un miracolo che sia ancora vivo” aveva ammesso il medico che lo aveva operato alle gambe, sostenendo come il buon Tiger anche questa volta se la fosse decisamente cavata.

Ora, a meno di un mese dal terribile incidente, lo stesso golfista è tornato a parlare pubblicamente. In un tweet infatti ha informato delle sue condizioni di salute.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE–> Tiger Woods, terribile incidente in auto 

Tiger Woods torna a ‘parlare’, il suo messaggio

Il campione di golf è stato dimesso dall’ospedale di Los Angeles ed è tornato nella sua casa in Florida. Lo scorso 23 febbraio lo schianto per le strade di LA, ora il messaggio con il quale ha voluto rassicurare i fan circa le sue condizioni di salute. “Sono tornato a casa. Sono grato per l’appoggio e l’incoraggiamento che ho ricevuto nelle ultime settimane” ha scritto Tiger nel suo tweet, “continuerò le cure a casa e lavorerò per diventare ogni giorno più forte“.

Tiger Woods
Il golfista Tiger Woods (Getty Images)

Nelle scorse settimane tante personalità avevano espresso la loro vicinanza al campione di golf: da Obama a Trump, passando per Michael Jordan e molti suoi colleghi e avversari di green.